Quartieri Uniti Bari – Atletico Vieste 3 a 1: non basta il gol di Augelli

Con questo successo i baresi restano in testa alla classifica a punteggio pieno in compagnia di San Severo e Atletico Mola in attesa di affrontare la prossima trasferta al Miramare di Manfredonia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

L'Atletico Vieste, brutta copia di quello che sette giorni fa aveva strapazzato il Racale, esce sconfitto nella trasferta di Bari contro la locale squadra denominata Quartieri Uniti con lo stesso risultato con cui perse la gara dello scorso campionato quando la squadra barese si chiamava ancora San Paolo.

Il risultato di 3 a 1 premia i padroni di casa bravi a creare apprensione al reparto arretrato viestano e a capitalizzare al meglio ogni occasione che gli è capitata.

Protagonista della gara è stato il mastodontico centravanti Vito Morra, lo scorso anno ad Apricena in prima categoria, il giocatore fisicamente più prestante tra quelli schierati in campo dai due allenatori.

Cercato sistematicamente ad ogni lancio dalle retrovie, ha toccato il 90% dei palloni aerei vincendo il duello fisico con la coppia di difensori viestani Campanella-Sollitto e permettendo gli inserimenti dei suoi compagni. Aggiungendo a questo il pressing a tutto campo e la giusta cattiveria agonistica si giunge alla conclusione che ha permesso ai padroni di casa di far propri i tre punti in palio.

Da parte sua, l'Atletico ha fatto un passo indietro nella fase di impostazione di gioco con Colella troppo schiacciato sulla linea della difesa e quindi lontano dalla zona nevralgica da dove poteva servire le punte. Ma le note dolenti sono giunte dagli uomini delle retroguardia, colpevoli sui tre gol subiti. Davanti, Rocco Augelli e Compierchio hanno cercato di sfruttare al meglio le poche palle giocabili giunte dalle loro parti ma su di loro ha fatto buona guardia la linea difensiva barese.

La partita poteva avere ben altra fisionomia se Rocco Augelli avesse centrato lo specchio della porta avversaria dopo pochi minuti di gioco: perfetta applicazione dello schema da corner che liberava proprio il bomber sangiovannese ma il suo colpo di testa finiva di poco fuori.

Al quindicesimo i padroni di casa sbloccavano il risultato: discesa sulla destra di Menga il cui cross veniva toccato da Silvestri tanto da far impennare la palla nell'area piccola; Orlandino (schierato tra i pali per permettere a Bua di scontare la seconda ed ultima giornata di squalifica) smanacciava il pallone senza allontanarlo consentendo a Campanelli di insaccare da due passi.

La reazione viestana era affidata ad una discesa di Compierchio il cui appoggio al centro veniva girato di tacco da De Vita, spazzato dalla difesa a portiere battuto.

Il raddoppio giungeva al 32mo: il pallone che Campanelli cercava di servire di testa a Bozzi in area veniva allontanato sempre col capo da Sollitto, ma sui piedi di Morra che dal limite faceva partire una gran botta al volo che si spegneva alle spalle dell'incolpevole Orlandino.

Nell'intervallo il mister viestano Angelo Terracenere mischiava le carte in tavola mandando in campo Gentile al posto di Pasquariello, passando dal 4-4-2 al 4-3-3 con De Vita arretrato sulla linea dei centrocampisti. Dopo appena un minuto Rocco Augelli aveva la possibilità di realizzare stoppando in area un traversone di suo fratello Paolo e indirizzando il suo destro verso l'angolino basso più lontano dove Fortunato era bravo ad arrivare e ad allontanare.

Il gol che accorciava le distanze si faceva attendere qualche altro minuto, esattamente all'undicesimo, quando Campanella veniva atterrato in area da Montrone in occasione di un tiro dalla bandierina di Colella. Dal dischetto Rocco Augelli non sbagliava, mettendo a segno il terzo gol in due partite, il secondo su penalty.

Nel momento migliore per gli ospiti, i locali trovavano la terza segnatura che chiudeva il risultato: solito lancio dalle retrovie per Morra la cui sponda di testa mandava in bambola la difesa viestana e serviva Bozzi che faceva partire un bel tiro che si insaccava alle spalle di Orlandino, reo di essere piazzato un po' troppo in avanti.

Nell'ultima mezz'ora i giocatori dei Quartieri Uniti Bari si accontentavano di far trascorrere il tempo continuando il pressing sin dalla linea difensiva avversaria. L'Atletico provava a riaprire il risultato ma la prova impeccabile della difesa locale ha annullato ogni velleità di segnatura.

Con questo successo i baresi restano in testa alla classifica a punteggio pieno in compagnia di San Severo e Atletico Mola in attesa di affrontare la prossima trasferta al Miramare di Manfredonia. Il Vieste, invece, dovrà cercare di ritrovare la rotta intrapresa nella prima giornata, ospitando al "Riccardo Spina" il Gallipoli, reduce da due pareggi a reti inviolate a Cerignola e in casa col Terlizzi.


Quartieri Uniti Bari - Atletico Vieste 3-1

Quartieri Uniti Bari: Fortunato, Bruno, Muciaccia, Dentamaro, Montrone, Faccitondo, Campanelli (35st Capriati), Palasciano (25st Grandolfo), Morra, Menga, Bozzi (19st Martinelli). A disposizione De Tullio, Cantalice, Pontrelli, Catalano. Allenatore Lorenzo Catalano

Atletico Vieste: Orlandino, Paolo Augelli, Sollitto, Silvestri, Campanella, Pasquariello (1st Gentile), Rocco Augelli, Compierchio, De Vita (33st Perlangeli), Colella, Ricucci. A disposizione Renda, Basso, Cignarale, Pelusi, Murgo. Allenatore Angelo Terracenere

Arbitro: Iacopo Pascariello di Lecce, assistenti Francesco Bruni di Brindisi e Domenico Tagliente di Casarano.

Reti: 15pt Campanelli (B), 32pt Morra (B), 11st Rocco Augelli rig. (V), 16st Bozzi (B)

Ammoniti: Campanelli, Montrone, Grandolfo (B), Pasquariello, Rocco Augelli, Campanella (V)

 

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento