rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
social Apricena

Sone Ancore: la dedica di Nazario Tartaglione e Roberta Palumbo a Matteo Salvatore

All'indimenticato Matteo Salvatore è dedicata la canzone scritta dal cantautore sanseverese Nazario Tartaglione

Si intitolata Sone ancore la canzone scritta dal cantautore sanseverese Nazario Tartaglione che, cantata insieme a Roberta Palumbo, è dedicata all'indimenticato Matteo Salvatore.

Cantore dei poveri e della cultura contadina, Salvatore segna una traccia inconfondibile per la canzone d'autore e dialettale italiana, capace ancora oggi di ispirare i cantautori della sua terra.

Sone ancore - insieme a Gargano mio brano centrale per la collaborazione tra Tartaglione e Palumbo - in questi giorni è riproposto in versione originale, con una traccia in cui le due vocalità si affiancano, a sostenere la poesia e l'intensità della composizione.

Una registrazione dal tratto artigianale dove le chitarre classiche intrecciano arpeggi e riffes, e si fondono ai colori tenui della fisarmonica e delle percussioni. Evocativo l'uso del fischiato come l'incontro delle tinte canore maschili e femminili, capaci di dare alla canzone particolare luce e fascino.

Va ricordato che la versione jazzata della stessa canzone, arrangiata da Nicola Scagliozzi e cantata da Roberta Palumbo, è già presente in SonAncore, album d'esordio dell'interprete apricenese, edito dalla Marechiaro Edizioni Musicali, di Claudio Poggi, ed uscito nel 2016 (ascolta qui).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sone Ancore: la dedica di Nazario Tartaglione e Roberta Palumbo a Matteo Salvatore

FoggiaToday è in caricamento