rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
social Rodi Garganico

Incredibile al Porto di Rodi Garganico: avvistato un 'Diavolo del mare' lungo due metri

L'avvistamento oggi, durante le riprese di una puntata di Linea Blu con Donatella Bianchi e la troupe alla presenza del presidente del Parco Nazionale del Gargano

Incredibile avvistamento a Rodi Garganico. Un esemplare di 'diavolo del mare' o 'pesce diavolo', al secolo Mobula mobular, lungo circa due metri, da alcune ore si aggire nelle acque del porto turistico. Si tratta di una specie protetta ed in via di estinzione, precisano i gestori dell'area. Da non confondere con la manta, perché - precisa l'ufficio stampa - "la specie Mobula mobular o diavolo di mare, appartiene al genere Mobula, mentre la manta della barriera corallina (Manta alfredi), la manta gigante (Manta birostris), la manta comune, sono sempre pesci cartilaginei ma appartengono al genere Manta".

E ancora, "hanno la bocca posta nella parte inferiore rispetto al capo e presentano denti su entrambe le mascelle. La manta, invece, presenta la bocca posta frontalmente al capo. Alcuni esemplari del genere Mobula, come il diavolo di mare Mobula mobular, sono provvisti di un aculeo velenifero caudale, caratteristica del tutto assente nelle mante. In più vi sono differenze anche a livello di distribuzione e habitat: la manta non vive nel Mediterraneo, al massimo si spinge fino in prossimità dello Stretto di Gibilterra, senza però entrare nel Mediterraneo. Al contrario, il diavolo di mare vive nelle nostre acque e può raggiungere una dimensione massima di 5,2 metri. Le femmine danno alla luce un unico esemplare che, alla nascita, vede una dimensione di 160 cm"

Prosegue la nota del Porto Turistico: "Questa specie è diffusa nel Mar Mediterraneo, nell’Atlantico (centro orientale e nord orientale), Mar Nero, a largo delle coste irlandesi fino al Portogallo meridionale, comprese le isole Canarie e Azzorre. Preferisce nuotare in acque molto profonde e piccoli gruppi di diavoli di mare sono stati osservati scendere a profondità di migliaia di metri, dove le temperature sono molto rigide e non arriva la luce.

L'avvistamento oggi, durante le riprese di una puntata di Linea Blu con Donatella Bianchi e la troupe alla presenza del presidente del Parco Nazionale del Gargano. "È una bellissima occasione per far conoscere la costa dell'alta Puglia al grande pubblico e, questa visita eccezionale è l'ennesima prova che le nostre acque sono ottime. Il "diavolo di mare" è un buon segno quindi che qualifica sia le acque del porto che quelle delle spiagge di Rodi Garganico. Una presenza che contribuirà alla conferma della bandiera blu per il 2023. Il vessillo Fee sventola sulle nostre banchine fin dal 2018, primo anno della gestione di Meridiana Orientale srl del porto".

razza-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incredibile al Porto di Rodi Garganico: avvistato un 'Diavolo del mare' lungo due metri

FoggiaToday è in caricamento