San Giovanni Rotondo: prosegue la lotta alla trasparenza di Siorini

Siorini, segretario cittadino di 'Noi con Salvini', continua la sua battaglia sulla legalità e trasparenza, obiettivo primario delle amministrative 2016

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Il movimento politico 'Noi con Salvini' di San Giovanni Rotondo, rappresentato da Saverio Siorini (responsabile del territorio Gargano), non si ferma e apre un’altra battaglia contro il Comune di appartenenza. Questa volta prende di mira il sindaco Pompilio e il dirigente D'Elia.

"Le colpe, o meglio la volontà di sbagliare, è nell’applicare quello che da tutti viene considerato il 'Regolamento per il funzionamento del "Nucleo di Valutazione Interno“. Ciò che si evince sia all’art.2  (i membri devono possedere esperienza in materia di Pubblica Amministrazione e valutazione della performance e del personale ), che all’art. 6  lettera h ( promuove e attesta l’assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza e all’integrità), non è mai stato applicato, giacchè il nominato è un avvocato a cui gli sono stati dati nomine legali e quindi, non in possesso dei requisiti come da regolamento, modificato con delibera n. 97 del 03/04/2014.

Non è tutto: a questo scempio collabora in modo arrogante il responsabile dei Servizi Finanziari D’Elia Nicola. Infatti, spulciando l’anno 2014, si può notare che sono state rilasciate determine dirigenziali (cause penali e civili) ad avvocati che (secondo una delibera n. 78 del 29/03/2012  art. 4  lettera d), a loro volta (compiacenti) in un numero superiore senza rispettare il “principio di rotazione“ o il “principio di economicità”. A conti fatti in modo non proprio del tutto preciso, il dispendio delle casse comunali si aggira intorno alle 185.00,00 euro. Soldi che potevano essere spalmati su tutte le famiglie, presenti sul nostro territorio, che soffrono di criticità economica, se determinate valutazioni sarebbero state esaminate meglio.

Siorini, continua nella sua battaglia della legalità: "Cerco di spolverare tute le anomalie e sperpero di soldi, che hanno portato questa città, alla creazione di lobby politiche e crescita di clientelismo ai svariati consiglieri, dove si annidano, anche senza nessuna carica (quindi un semplice cittadino), nelle varie stanze del potere Comunale, personaggi che hanno la facoltà di decidere le sorti future di questa città".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento