rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

L’interrogazione regionale di Gatta sulle concessioni delle acque sotterranee

Gatta a Vendola ed Amati: “Come intendano fronteggiare questa emergenza rilevata all’Ufficio Regionale di Foggia”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Il consigliere regionale del Pdl, Giandiego Gatta, in merito alle 12mila domande prevenute presso gli uffici di Foggia, interroga Nichi Vendola e Fabiano Amati sulle modalità di e sui tempi di concessione delle acque sotterranee

Premesso che:

ai sensi della Legge Regionale n. 19 del 2010 e Legge Regionale n. 14 del 6/07/2011,  con successive modificazioni ed integrazioni, il Consiglio Regionale ha approvato con gli artt. 28 e 30 le “norme transitorie di semplificazione in materia di utilizzo di acque sotterranee per le piccole derivazioni di acqua pubblica” ed il riconoscimento di utenza e concessioni in sanatoria;

presso  l’Ufficio di Coordinamento Strutture Tecniche Provinciali BA/FG sede di Foggia, sono pervenute, al 31/12/2010, circa 12.000 domande di concessione in sanatoria ancora da istruire, previo accertamento tecnico;

la Struttura Tecnica Provinciale di Foggia si avvale di sole 3 unità presenti al servizio “acque sotterranee”;

le richieste di istruttoria per il rilascio della concessione, per chi non vuole avvalersi della L.R. n.19/2010 con successive modificazioni ed integrazioni, sono numerose, con tempi lunghi e soggetti a vari interventi tecnici per il rilascio delle suddette concessioni;

i tecnici e funzionari preposti agli accertamenti tecnico-amministrativi sono impossibilitati ad istruire con celerità ed efficienza le domande, per via del carico di lavoro assolutamente sproporzionato rispetto alle unità deputate al loro disbrigo;

Considerato che:

la Legge Regionale n.19/2010, artt 28 e 30, con successive modificazioni ed integrazioni, ad oggi, non ha prodotto gli effetti sperati, ossia velocizzare la procedura della concessione assentita mediante una semplice comunicazione, in quanto sembra che a fronte delle circa 12.000 pratiche esistenti siano pervenute agli Uffici di Foggia solo poche centinaia di domande di adesione alla suddetta procedura;

il settore acque sotterranee è un settore in esaurimento e transiterà alla Provincia, una volta esaurite le domande pervenute, come pratiche limitate ai rinnovi con scadenza quinquennale;

Tutto ciò premesso e considerato, si interroga l’On. Nicola Vendola, presidente della Giunta Regionale, e l’Avv. Fabiano Amati, assessore regionale alle Politiche per la Riqualificazione, la tutela e la Sicurezza Ambientale e per l’attuazione delle Opere Pubbliche, per sapere:

Come intendano fronteggiare questa emergenza rilevata all’Ufficio Regionale di Foggia, sicuramente analoga anche nelle Province in cui è presente ed opera il settore “acque sotterranee” e se alla data del 30/11/2012 si intendano prorogare i termini per la presentazione delle richieste di riconoscimento di utenza in base a quanto previsto dalle norme transitorie di semplificazione in materia di utilizzo di acque sotterranee per le piccole derivazioni di acqua pubblica.

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’interrogazione regionale di Gatta sulle concessioni delle acque sotterranee

FoggiaToday è in caricamento