Batterio E.coli: interrogazione parlamentare dell'On. Bordo

Emergenza E.coli, Bordo: “Promuovere i nostri prodotti all’estero può trasformare l’emergenza in un’opportunità di sviluppo”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Risarcire le imprese agricole per i danni subiti dall’allarme E.coli e attivare misure finanziarie per la promozione e la valorizzazione delle produzioni ortofrutticole tipiche e di qualità allo scopo di supportare le attività aziendali di commercializzazione. Sono le misure indicate da Michele Bordo, deputato del Partito Democratico, nell’interrogazione al ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per “fronteggiare - anche con il sostegno e il coinvolgimento dell’Unione Europea e della Regione Puglia – l’emergenza economica ed occupazionale provocata dall'EHEC”.

L’atto sottolinea che “a causa dell'allarmismo dovuto ai decessi provocati dall’EHEC in Germania e della conseguente psicosi ingenerata nei consumatori, si è sensibilmente ridotta la quota produttiva dell’ortofrutta in Capitanata, particolarmente quella destinata all’export. Il danno quantificato dalle organizzazioni dei produttori è nella misura media del 15% e pari a circa 2 milioni di euro”.

Peraltro, “l’attuale crisi aggrava gli effetti negativi già determinati dalle alluvioni abbattutesi sugli agri più produttivi e di maggiore pregio nel 2009 e nel marzo di quest’anno, nonché dalla generale riduzione dei prezzi delle materie prime agricole”.

L’urgenza di un intervento del Governo è nei fatti – conclude Michele Bordo – e il sostegno alla commercializzazione dei prodotti più colpiti dall’emergenza può trasformare un problema in un’opportunità di sviluppo”.

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento