Classifica 'Acque Pulite': premiato tutto il Gargano, maglia nera per Manfredonia

Nel mirino del magazine 'Dove', penalizzate le acque della foce destra del fiume Candelaro in territorio di Manfredonia. Un tratto di quasi trecento metri che è stato bollato come "scarso" per qualità delle acque di balneazione

Gargano, immagine di repertorio

Bene, anzi benissimo il Gargano. La recente classifica, stilata dal magazine Dove, delle spiagge e del mare più ‘accoglienti’ della Puglia ha ampiamente premiato il Gargano. Un’altra attestazione della bontà dell’offerta naturalistica del territorio garganico, dove figurano Baia delle Zagare, Vignanotica, Cala della Sanguinara, Baia Zaiana e la gettonata Cala Matana alle Isole Tremiti.

"Purtroppo esiste anche un’altra faccia della medaglia. Meno nota, ma che non può essere dimenticata, come ha anche evidenziato la Giunta regionale nella delibera 476/2016 sullo stato di balneazione delle spiagge della Provincia di Foggia", spiega Napoleone Cera, presidente del gruppo consiliare dei Popolari in via Capruzzi.

L’Arpa, chiamata a effettuare la classificazione di balneazione, ha attribuito un giudizio eccellente alla maggioranza delle acque della Capitanata, bocciando però quelle della foce destra del fiume Candelaro in territorio di Manfredonia. Un tratto di quasi trecento metri che è stato bollato come “scarso” per qualità delle acque di balneazione. Un giudizio pesante e senza possibilità di appello e che richiama responsabilità locali e provinciali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al momento non è dato sapere se sono stati presi provvedimenti per “bonificare” il tratto considerato (la classifica è dell’aprile scorso), ma soprattutto capire quali sono le cause della scarsità della balneazione di quell’unico tratto di mare della Capitanata e se la situazione era già a conoscenza delle autorità locali prima della classificazione da parte dell’Arpa", puntualizza Cera. "Tra l’altro la stessa delibera ricorda che è compito dei Comuni dare piena attuazione all’adeguata informazione al pubblico sulla balneabilità delle acque con relativo provvedimento di divieto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento