Legambiente e Gran Cereale lanciano 'I custodi della biodiversità', il progetto di educazione ambientale per le scuole

Dal 10 ottobre al 1° novembre 2020, per quattro week end, circa 200 studenti delle scuole elementari e medie potranno prendere parte a escursioni guidate nel Parco, una delle aree protette più estese d'Italia, coinvolta nella campagna Mosaico Verde di Gran Cereale e Legambiente

Stimolare gli studenti a riflettere su come le foreste siano importanti per la nostra vita e quella di piante e animali, sia attraverso attività di educazione ambientale che di volontariato attivo. È questo uno degli obiettivi del progetto "I custodi della Biodiversità” nato da una collaborazione tra Legambiente e Gran Cereale (Gruppo Barilla) che scendono di nuovo in campo, in difesa dei boschi italiani.   
Dal 10 ottobre al 1° novembre 2020, durante quattro weekend, circa 200 studenti delle scuole elementari e medie che si trovano nelle vicinanze delle aree naturali salvaguardate da Legambiente e Gran Cereale nell'ambito della campagna Mosaico Verde, potranno partecipare ad escursioni guidate nel Parco Nazionale del Gargano insieme alle loro famiglie, mappando con l'aiuto di esperti di Legambiente la biodiversità dell'habitat oggetto dell'esplorazione e individuando gli elementi di rischio che ne minacciano l'equilibrio. Un viaggio nella biodiversità che si concentra sul tema del bosco, del suo ecosistema attraverso un percorso educativo che prevede incontri con le classi, attività laboratoriali e di ricerca sul campo. Il tutto con lo scopo di formare così dei veri e propri "custodi della biodiversità”.
Due le escursioni in programma ogni fine settimana all'interno del Parco Nazionale del Gargano, per un totale di otto uscite, cui ci si potrà iscrivere contattando gli organizzatori all'indirizzo mail festambientesud@gmail.com. Grazie al contributo di Gran Cereale, di volta in volta Legambiente metterà a disposizione una guida esperta e qualificata che accompagnerà grandi e piccini alla scoperta dell'area.
 "Ridisegnato nella forma, il nuovo progetto mantiene vivi i principi su cui si basa la collaborazione con Gran Cereale, spiega Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente. "Centrale come sempre è il percorso educativo dei più giovani, cui seguirà l'uscita sul campo, cuore pulsante dell'iniziativa che si estende a quattro weekend per ogni area. Durante le escursioni, organizzate in piena sicurezza, Legambiente metterà a disposizione guide ambientali qualificate per condurre famiglie e studenti alla scoperta consapevole del nostro patrimonio forestale. Un'esperienza in cui essere non solo osservatori attenti, ma protagonisti attraverso le attività di rilevamento e "citizen science” nel rispetto degli equilibri di uno degli habitat a maggiore ricchezza di biodiversità del nostro Paese e dell'intero Pianeta, la cui tutela va perseguita e sostenuta con progetti di formazione e sensibilizzazione della cittadinanza tutta e degli adulti di domani in special modo”.

Il Parco Nazionale del Gargano: info e curiosità

Il Parco Nazionale del Gargano, tra i boschi di Gran Cereale coinvolti nell'iniziativa con Legambiente, è situato presso il Comune di Monte Sant'Angelo – Foggia - ed è una delle aree protette più estese d'Italia: comprende la Comunità Montana del Gargano, la riserva marina delle isole Tremiti, la Foresta Umbra e, grazie alla sua conformazione morfologica, offre un habitat ricco di biodiversità. I boschi interessati dalle attività di tutela e gestione sono a prevalenza di conifere risalenti agli anni Sessanta e di Leccio. La necessità principale di questo ecosistema è la prevenzione degli incendi: le attività realizzate erano finalizzate alla riduzione dei rischi di incendi boschivi ed assumono particolare rilevanza dal momento che l'area si trova in prossimità della Foresta Umbra, patrimonio dell'Unesco. Ulteriori interventi messi in atto presso l'area boschiva pugliese hanno riguardato i diradamenti dal basso, l'eliminazione degli alberi pericolanti, la potatura sul secco, la spalcatura delle piante, la reintroduzione delle specie autoctone tipiche della macchia Mediterranea, le cure colturali, il risarcimento della fallanza e lo sfalcio delle infestanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento