Sabato, 13 Luglio 2024
Economia San Severo

Vertenza Conad: si valutano strumenti alternativi ai licenziamenti

I lavoratori di San Severo e Monte Sant’Angelo confermano lo stato di agitazione. Elio Dota (Uiltucs): "Caso Conad, passo avanti importante ma la battaglia non è ancora vinta"

Sviluppi sulla vertenza Conad, “ma c’è ancora da lavorare” sottolinea Elio Dota, che comunque si è detto soddisfatto del confronto del tavolo nazionale svoltosi ieri a Roma, al quale hanno preso parte i vertici di Conad Adriatica e di Sogiper, oltre alle segreterie nazionali, regionali e territoriali di Uiltucs, Fisascat e Filcams. Argomento all'ordine del giorno la procedura di licenziamento collettivo aperta da Sogiper aperta nei confronti di 60 lavoratori, 30 del punto Conad di San Severo e altrettanti di Monte Sant'Angelo.

Ha spiegato Dota, che ha rimarcato gli altri elementi fondamentali definiti nel corso del vertice: “È stato ribadito dalle organizzazioni sindacali e ratificato da tutte le parti presenti che vanno mantenute le relazioni sindacali, nel rispetto del contratto di solidarietà e dell'accordo integrativo aziendale nazionale".

Il sindacalista ha poi aggiunto: “Pur prendendo atto della complessità della situazione attuale e delle mutate condizioni del panorama degli ipermercati, è stato ribadito il principio che tutte le questioni relative al caso Conad saranno sempre affrontate nell'ambito di questo tavolo nazionale, che fungerà da cabina di regia delle varie vertenze, incluse quelle di San Severo e Monte Sant'Angelo, che saranno sviluppate e definite a livello territoriale; abbiamo ottenuto la disponibilità dell'azienda a trovare strumenti alternativi ai licenziamenti; c'è l'impegno comune ad avviare, entro una settimana, il confronto anche in sede ministeriale; abbiamo ottenuto un ampliamento dei termini della verifica in sede sindacale dal 16 al 28/2/2017".

Altro elemento chiave, "lo stato di agitazione dei lavoratori dei punti Conad di San Severo e Monte Sant'Angelo permane fino alla chiusura della vertenza. Un primo passo avanti è stato compiuto. Siamo fiduciosi ma non abbasseremo la guardia neanche per un secondo” conclude il segretario generale Uiltucs. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Conad: si valutano strumenti alternativi ai licenziamenti
FoggiaToday è in caricamento