Giornata storica per il Gino Lisa: partiti i lavori per la pista. Foggia spera: si volerà per davvero?

Lettera del Comitato Vola Gino Lisa a Michele Emiliano: "Ci aspettiamo, tra dieci mesi, un serio piano industriale e voli con le maggiori compagnie low cost verso le grandi città italiane ed europee"

Dalle prime ore di oggi, 6 dicembre, l’aeroporto Gino Lisa di Foggia è chiuso (ad eccezione che per il traffico elicotteristico di Alidaunia), per consentire i lavori direttamente sulla pista da allungare fino a duemila metri. Una notizia che il territorio di Capitanata attendeva da anni e che accende le speranze – ma anche i timori- del Comitato Vola Gino Lisa, che nel tempo si è battuto per ottenere la progettualità. La nota è a firma degli “zii del Gino Lisa”, così si definiscono il presidente Maurizio Antonio Gargiulo e gli animatori del Comitato Marcello Mariella, Sergio Venturino, Angelo Stilla, Marcello Sciagura, Giuseppe Potenza, Daniele Prencipe, Angelo Maglion, Salvatore Valerio, Maria Guglielmi, Antonio Mancini, Mimmo Carlucci, Antonio Nunziante e Vincenzo D’Errico.

Ecco la lettera: “Preg.mo Presidente Emiliano, siamo i soliti amanti del Gino Lisa di Foggia e ci tenevamo a scriverle queste due righe in questa storica giornata. Oggi nasce per la seconda volta l’aeroporto di Foggia o meglio è concepito il nuovo “Gino Lisa” che vedrà la luce verosimilmente tra circa 10 mesi. Quel giorno confidiamo che da buon padre di famiglia saprà inaugurare ufficialmente la nuova stagione di voli anche da e per Foggia, come accaduto per i fratelli maggiori di Bari e Brindisi.

Foggia è il più piccolo della nuova famiglia di Aeroporti di Puglia, anche se ha già oltre cento anni sulla propria carta d’identità. Ma come abbiamo detto sarà un nuovo gioiellino nelle mani della Regione Puglia che , ci auguriamo , abbia già un progetto di sviluppo per la riattivazione dei voli civili di linea e charter; proprio quelli che mancano dal 2011 ossia dai tempi del Governo di Vendola. Noi sappiamo che quel giorno Lei dirà alla comunità di Capitanata che domani (e non dopodomani) si volerà con le più note compagnie aeree low-cost . Noi sappiamo che quel giorno Lei avrà già tra le mani un piano industriale e la riqualificazione dello scalo come aeroporto d’interesse nazionale grazie alla ciliegina della protezione civile.

Noi Presidente crediamo fortemente che quel giorno Lei non farà solo un selfie ma , carte alla mano , presenterà i collegamenti aerei che qui sono necessari: Milano, Torino, Venezia, Bologna, Roma, Palermo, Catania ma anche Londra, Parigi e Berlino. Noi abbiamo la convinzione che quel giorno Lei, da Presidente, saprà dire a questa comunità che è tempo di rialzarsi e di migliorare quella bruttissima classifica che non può gratificare il Suo operato politico.

Presidente oggi, cuore in mano, poniamo la nostra fiducia perché da questo momento, data di concepimento, si prenda più che mai cura , anche giorno per giorno, di un Suo figlio. Proprio da oggi , 6 dicembre 2019”. Sarà così? Lo si saprà tra dieci mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento