rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Economia

Foggia, Istituto Zooprofilattico “prossimo alla paralisi totale’: quale futuro?

Il 31 marzo si terrà un’assemblea straordinaria dei dipendenti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Le scriventi OO.SS. della dirigenza, del comparto e la RSU dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata (IZSPB) comunicano che in data 31 marzo 2014, dalle ore 11:00 alle ore 13:00, presso la Biblioteca della sede centrale di Foggia in via Manfredonia 20, si terrà l’Assemblea Generale del personale per un confronto sulla grave situazione di stallo gestionale e tecnico-amministrativo in cui versa l’Ente, alla quale parteciperà l’assessore regionale alla Salute, Elena Gentile.

L’IZSPB è ormai prossimo alla paralisi totale delle attività per molteplici cause, quali l’impossibilità di pianificare ed attuare linee programmatiche per il raggiungimento di obiettivi strategica e la capacità, ridotta, di attrarre finanziamenti per la promozione e lo sviluppo delle attività scientifiche, con la conseguente sospensione dei servizi laboratoriali e delle consulenze specialistiche su tematiche rilevanti di Sanità Pubblica (Sicurezza Alimentare, Sanità Animale e Benessere Animale). La situazione è resa ancora più drammatica a causa del forte rallentamento delle attività di ordinaria amministrazione.

Il numero legale del Consiglio di Amministrazione (CdA) dell’IZSPB, che è stato ininterrottamente in carica per 24 anni, è venuto meno nel mese di giugno 2013 ma, solo dopo 7 mesi, con decreto n. 27 del 21/01/2014 dei presidenti della Giunta della Regione Puglia e della Regione Basilicata, è stato dichiarato lo scioglimento del CdA e, contestualmente, la decadenza della Giunta Esecutiva dell’Ente.

La tanto attesa nomina del commissario straordinario a tutt’oggi non è stata ancora effettuata, né le Regioni Puglia e Basilicata hanno attivato di concerto l’iter per il recepimento del D.lgv 270/93 e del D.lgv 106/2012 relativi al riordino degli IIZZSS. Tutto ciò conferma, ancora una volta, sia l’indifferenza e l’inerzia legislativa delle due Regioni che il disinteresse degli organi centrali del ministero della Salute, unico attore in grado di esercitare il potere sostitutivo statale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, Istituto Zooprofilattico “prossimo alla paralisi totale’: quale futuro?

FoggiaToday è in caricamento