Brutale violenza a Stornara: picchia convivente per gelosia, vittima riporta gravi lesioni

La vittima di 30 anni è ricoverata sotto osservazione presso l'ospedale di Cerignola. Il convivente, pregiudicato del posto classe 1984, è stato arrestato per i reati di lesioni personali gravi e maltrattamenti famiglia

Immagine di repertorio

E’ giunta in gravi condizioni presso l’ospedale di Cerignola la giovane donna, di circa 30 anni, che ha subito una brutale aggressione da parte del suo convivente, per problemi legati alla gelosia ingiustificata dell’uomo. E’ successo a Stornara.

In un primo momento la paura di ritorsioni da parte del compagno nonostante le gravi lesioni riportate, ha spinto la donna a mentire sia ai medici sia alle forze dell’ordine circa l’accaduto. La povera vittima, infatti, per ore continuava a sostenere di essere stata aggredita alle spalle da quattro uomini che l’avevano sorpresa mentre era scesa di casa per gettare l’immondizia. Versione che però non ha assolutamente convinto i Carabinieri che, ben conoscendo l’indole violenta del compagno, tra le altre cose affidato in prova ai servizi sociali perché riconosciuto colpevole del reato di rapina, decidevano di approfondire le indagini, fino a scoprire che era stato proprio lui a percuoterla, tanto da fratturarle le ossa del naso e a provocarle varie contusioni su tutto il corpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto il convivente della ragazza, G.L. cl. 84, pregiudicato del posto, veniva arrestato per i reati di lesioni personali gravi e maltrattamenti in famiglia e condotto presso il carcere di Foggia. Quello descritto costituisce l’ennesimo episodio di una lunga serie, atteso che, nel corso dei mesi, la violenza dell’uomo nei confronti della propria compagna, già vittima in più circostanze di episodi di violenza psicologica e fisica, era andata via via ad aumentare, fino a quando, in preda ad un’ira furibonda, l’aveva  aggredita in maniera tale da cagionarle lesioni giudicate guaribili in 30 giorni, e che obbligavano i medici a ricoverarla per tenerla sotto stretta osservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Coronavirus, quattro casi e tre decessi in Puglia. I positivi scendono sotto quota mille. Zero contagi e nessuna vittima in Capitanata

Torna su
FoggiaToday è in caricamento