Pescara: la famiglia Granatiero respinge le accuse di riciclaggio

La famiglia Granatiero, proprietaria dei locali sequestrati questa mattina dalla Guardia di Finanza di Pescara e dalla Polizia nell'ambito dell'operazione "Caffè Venezia", respinge le accuse e presenta istanza di dissequestro

Operazione "Caffè Venezia"

La famiglia Granatiero, proprietaria dei locali sequestrati questa mattina dalla Guardia di Finanza di Pescara e dalla polizia nell'ambito dell'operazione "Caffè Venezia", respinge le accuse e presenta istanza di dissequestro.

I legali dei Granatiero domani depositeranno presso il Tribunale del Riesame la richiesta. In particolare, la famiglia Granatiero nega ogni tipo di legame con la famiglia Romito. "L'unico legame tra i Granatiero e i Romito è legato al fatto che entrambi risiedevano anni fa a Manfredonia. I miei clienti sono andati via da quel posto proprio per evitare contatti con questa gente" ha dichiarato il legale, che ha sottolineato come il Gip abbia respinto la richiesta di misura cautelare presentata dalla Procura.“

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento