Armati di pistola, "ripuliscono" le Poste di San Marco La Catola: bottino 10mila euro

Due uomini con il volto coperto da sciarpe e berretti, uno dei quali armato di pistola, hanno intimato alla direttrice e al dipendente presente di aprire la cassaforte e di consegnare loro tutto il denaro in essa contenuto

Immagine di repertorio

Ammonta a 10mila euro il bottino della rapina messa a segno ieri mattina, ai danni dell’ufficio postale cittadino di San Marco La Catola. Il fatto è accaduto poco dopo le 8, al momento dell’apertura dell’ufficio di viale Aldo Moro.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, due uomini – entrambi con il volto coperto da sciarpe e berretti, uno dei quali armato di pistola – hanno fatto irruzione nell’istituto intimando alla direttrice e al dipendente, gli unici presenti, di aprire la cassaforte e di consegnare loro tutto il denaro in essa contenuto: circa 10mila euro.

Così è stato. Una volta intascato il denaro, i due sono fuggiti a bordo di una utilitaria. Al momento della rapina non erano ancora presenti clienti e avventori, e nessuno dei dipendenti è rimasto ferito. Sull’accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri della Compagnia di Lucera e dei colleghi di Celenza Valfortore, che stanno analizzando i filmati del sistema di videosorveglianza dell’istituto di credito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento