Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Villaggio Artigiani / Via delle Casermette

“Malato e non curato”. Protesta la madre di un detenuto rinchiuso nel carcere di Foggia

Madre di Piero Mele, 27enne di Galatina, chiede che il figlio venga trasferito a Lecce: “Nulla è stato fatto all’interno dell’istituto di pena per curare la malattia”

E’ rinchiuso nel carcere di Foggia ma sarebbe affetto da una grave malattia. Piero Mele, 27enne di Galatina, è stato condannato a 14 anni per concorso in omicidio, sette dei quali li ha già scontati (2 scontati in appello). Ma la madre del ragazzo da anni chiede che venga trasferito nella struttura carceraria di Lecce e per questo ieri mattina, insieme all’associazione radicale ‘Nessuno tocchi Caino’, ha protestato davanti al tribunale del capoluogo salentino.

Il giovane al momento dell'arresto era già affetto da cirrosi epatica, ''ma nulla è stato fatto all'interno dell'istituto di pena - secondo quanto raccontato dalla madre durante la protesta - per curare la malattia''. La cirrosi è ora degenerata ed il ragazzo è affetto da tumore al fegato, malattia a cui si è aggiunta anche una patologia ossea molto grave. La madre chiede che venga trasferito nel carcere di Lecce per l'impossibilità, per motivi economici, di poter andare dal figlio ogni giorno e sollecita per suo figlio cure adeguate

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Malato e non curato”. Protesta la madre di un detenuto rinchiuso nel carcere di Foggia

FoggiaToday è in caricamento