“Malato e non curato”. Protesta la madre di un detenuto rinchiuso nel carcere di Foggia

Madre di Piero Mele, 27enne di Galatina, chiede che il figlio venga trasferito a Lecce: “Nulla è stato fatto all’interno dell’istituto di pena per curare la malattia”

Carcere di via delle Casermette

E’ rinchiuso nel carcere di Foggia ma sarebbe affetto da una grave malattia. Piero Mele, 27enne di Galatina, è stato condannato a 14 anni per concorso in omicidio, sette dei quali li ha già scontati (2 scontati in appello). Ma la madre del ragazzo da anni chiede che venga trasferito nella struttura carceraria di Lecce e per questo ieri mattina, insieme all’associazione radicale ‘Nessuno tocchi Caino’, ha protestato davanti al tribunale del capoluogo salentino.

Il giovane al momento dell'arresto era già affetto da cirrosi epatica, ''ma nulla è stato fatto all'interno dell'istituto di pena - secondo quanto raccontato dalla madre durante la protesta - per curare la malattia''. La cirrosi è ora degenerata ed il ragazzo è affetto da tumore al fegato, malattia a cui si è aggiunta anche una patologia ossea molto grave. La madre chiede che venga trasferito nel carcere di Lecce per l'impossibilità, per motivi economici, di poter andare dal figlio ogni giorno e sollecita per suo figlio cure adeguate

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Terribile incidente mortale nel Foggiano: perde la vita una donna, quattro i feriti

  • ULTIMA ORA | Torna a casa Francesco Pio Virgilio, il 15enne era scomparso da quasi 48 ore

Torna su
FoggiaToday è in caricamento