menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesca e Golia

Francesca e Golia

E' morto Golia, il cane-terapeuta di Vieste che ha ridato il sorriso ad anziani, bambini e disabili

Era un randagio finito in canile e adottato da Francesca Toto, una volontaria che, vedendo la sua disperazione tra le sbarre, lo prese con sé. Il progetto 'Zero cani in canile' è nato per evitare il canile a tanti sfortunati come lui, vittime dell'abbandono

Si é spento a causa di una brutta malattia, Golia il cane che aveva risvegliato una anziana dallo stato vegetativo e che aveva portato sorrisi a bambini, anziani, disabili di Vieste.

Golia era un randagio finito in canile e adottato da Francesca Toto, una volontaria che, vedendo la sua disperazione tra le sbarre, lo prese con sé. "Il progetto 'Zero cani in canile' - racconta Toto -  è nato per evitare il canile a tanti sfortunati come lui, vittime dell'abbandono". La sua indole socievole e la sua predisposizione verso i più deboli ne hanno fatto un cane terapeuta dell'animo umano.

E così, in questi anni, Golia ha girato scuole, case di riposo, centri per disabili per dimostrare che i cani randagi sono una risorsa e per insegnare a tutti la corretta gestione di un cane. I canili  sono  pieni di cani come Golia. L'invito della Lega Nazionale per la Difesa del cane é ad adottare cani dai canili invece che comprarli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento