Cronaca

Ladri all'opera nel cimitero di San Severo: tre persone sorprese mentre forzano tombe gentilizie

Messi in fuga dai vigilantes, polizia a caccia dei ladri. Miglio: "E’ già il secondo caso in pochi mesi scoperto dagli operatori della vigilanza. Presto avremo anche un servizio di videosorveglianza ormai indispensabile per arginare e frenare questo triste fenomeno di furto di arredi funerari"

Immagine di repertorio

Furti al cimitero di San Severo, sorpresi tre ladri all'opera in via Zannotti. È successo ieri sera, subito dopo le 19,00, in coincidenza con uno dei turni di passaggio della vigilanza notturna e serale voluta da alcuni mesi dalla Civica Amministrazione.

Nel dettaglio, gli operatori dell’istituto di vigilanza hanno avvertito dei rumori sospetti provenienti da una zona del cimitero stesso. La successiva ispezione ha consentito di individuare il posto da cui provenivano i rumori, dove tre individui sono stati notati intenti a forzare alcune tombe gentilizie familiari. Il pronto intervento dei vigilantes, che nel frattempo avevano allertato gli agenti della Polizia di Stato, ha messo in fuga i malviventi, i quali hanno fatto perdere le proprie tracce nelle campagne immediatamente adiacenti al cimitero.

“L’attenzione verso il nostro cimitero e nel pieno totale rispetto dei nostri defunti - dichiara il sindaco Francesco Miglio - resta alta, la vigilanza è impegnata ad assicurare il rispetto verso chi non c’è più ed a tutela dei nostri ricordi più cari. E’ già il secondo caso in pochi mesi in cui si registrano episodi simili scoperti dagli operatori della vigilanza serale e notturna, mi auguro che tale presenza scoraggi delinquenti e ladri che vilipendano un caro bene comune, presto avremo in dotazione anche il servizio di videosorveglianza ormai indispensabile per arginare e frenare questo triste fenomeno di furto di arredi funerari di ogni genere”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri all'opera nel cimitero di San Severo: tre persone sorprese mentre forzano tombe gentilizie

FoggiaToday è in caricamento