menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Puglia non evita la terza ondata, situazione critica e "dati allarmanti" da Bari a Taranto: pronte le ordinanze di Emiliano

Michele Emiliano: "Ci sono le premesse per l'adozione da parte del governo di un passaggio in zona di rischio più elevata, con misure più stringenti per le province di Bari e di Taranto rispetto al resto della Puglia, che comunque è in generale peggioramento"

Nella settimana tra il 3 e il 9 marzo la Puglia ha registrato un incremento dei casi totali di contagio del 5,8%. E' quanto emerge dai dati della Fondazione Gimbe aggiornati a ieri alle 18. Nelle ultime due settimane è stata registrata una incidenza di 397 casi ogni 100mila abitanti, la maggior parte a Lecce e Taranto il cui incremento è di poco superiore al 7% e Bari, di poco sotto. 

Con il 5,01% la Puglia è al secondo posto nella classifica delle regioni per percentuale di popolazione che ha ricevuto solo la prima dose di vaccino. La Puglia è vicina a superare la soglia critica nelle terapie intensive (29%) e nell'area non critica (38,56%). 

Nel frattempo Michele Emiliano ha specificato meglio i dettagli delle ordinanze che emanerà in queste ore

"La collocazione in zona gialla della Regione Puglia mi ha indotto sin dalla settimana scorsa a chiedere ai miei collaboratori di anticipare le valutazioni che saranno rese al Governo in questa settimana. 

I dati cosi ottenuti sono allarmanti per il crescente numero di contagi che ormai rileviamo da giorni. I dati aggiornati ad oggi relativi al flusso aggregato della Protezione civile rappresentano un valore di incidenza settimanale regionale pari a 222 casi per 100mila abitanti, aumentati del 22% rispetto ai 7 giorni precedenti. Solo due settimane fa il valore era di 135 casi per 100mila abitanti!

Lo stesso tasso di incidenza di Bari, negli ultimi 7 giorni, è ulteriormente cresciuto fino a 323 casi per 100mila (+26%). A Taranto è pari a 285 per 100mila, con una crescita del 29%. 

In queste due province si devono immediatamente chiudere tutte le scuole alla luce dell’ultimo dpcm del Governo e quindi emetteró le relative ordinanze.

Anche l'incidenza settimanale a Lecce, pur restando su valori più bassi, è aumentata del 59% rispetto alla settimana precedente e, in generale, risulta in aumento anche nelle altre province.

L'indice di replicazione diagnostica al 6 marzo (un indicatore simile all’Rt ma che può essere calcolato più tempestivamente) si attesta su valori di 1.22, indicando che, in assenza di misure mirate a limitare al minimo indispensabile la circolazione delle persone e i contatti interpersonali il livello di incidenza settimanale tra 14 giorni potrebbe superare, anche a livello regionale, i 300 casi per 100mila abitanti, ben oltre il limite di 250 su 100mila previsto dall’ultimo dpcm per chiudere tutta la attività scolastica in presenza.

Si tratta di una previsione drammatica che farebbe salire spaventosamente ricoveri e decessi.

Tale condizione incide in modo rilevante sulla rete dei posti letto covid: le riunioni giornaliere di monitoraggio dei posti letto Covid hanno già registrato un aumento dei ricoveri dei pazienti positivi tali da determinare una quasi completa saturazione dei posti letto dedicati nelle province di Bari e Taranto.

Ma anche nelle altre province pugliesi, se la curva epidemica dovesse continuare la sua progressione, si determinerà un ulteriore incremento di richiesta di ricovero e queste ultime non potranno più soccorrere quelle di Bari e di Taranto.

Assai problematica rischia di diventare anche la gestione dei posti letto no-covid che continuano ad essere sacrificati per la necessaria devoluzione di posti letto alla rete covid. La capacità espansive della rete ospedaliera, sono ormai al massimo della loro estensione a causa della mancanza di personale. Sarà quindi indispensabile un maggiore supporto dei medici di Medicina Generale e dei dipartimenti di prevenzione per la assistenza domiciliare dei malati covid.

Ieri notte abbiamo inviato al ministro Speranza una nota nella quale spieghiamo che la terza ondata è arrivata anche in Puglia e preannunciamo che stiamo superando tutti i parametri, soprattutto nelle province di Bari e Taranto: ma la crescita dell'epidemia è vorticosa e comincia a interessare anche altre province. 

Ci sono le premesse per l'adozione da parte del governo di un passaggio in zona di rischio più elevata, con misure più stringenti per le province di Bari e di Taranto rispetto al resto della Puglia, che comunque è in generale peggioramento, con relativa chiusura della didattica in presenza in tutte le scuole ovunque siano rilevati superamenti dei parametri previsti dall'ultimo dpcm del governo e man mano che i superamenti si verificheranno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento