Ancora droga tra i detenuti nel carcere di Foggia, "dove è difficile contrastarne l’introduzione”

Continuano le l’attività di contrasto della Polizia Penitenziaria all’interno della casa circondariale di Foggia sull’introduzione di sostanze stupefacenti.

Droga in carcere

Gli agenti del reparto di polizia penitenziaria di Foggia, diretto dal dirigente dott. Luca Di Mola e coadiuvato dal sostituto commissario M.Q. e dall’ispettrice R.S, durante l’attività di contrasto e prevenzione all’introduzione di sostanze stupefacenti, hanno sorpreso detenuti che svolgevano attività lavorative, secondo quanto previsto dall’ordinamento penitenziario, in possesso di diverse dosi di sostanze stupefacenti. Solo qualche giorno prima, sempre i baschi azzurri del capoluogo dauno, avevano rinvenuto e sequestrato un telefono cellulare nella disponibilità di alcuni reclusi.

A renderlo noto è il segretario generale aggiunto del sindacato di polizia penitenziaria Daniele Capone: “L’opinione pubblica e le istituzioni, devono capire che è sempre più complicato garantire la sicurezza negli istituti penitenziari. Possiamo paragonare oggi il carcere ad un palazzo di vetro, in cui è sempre più garantita la trasparenza delle varie operazioni e l’apertura al mondo esterno, evitando però gli eccessi.”

Continua Capone: “Ma se in carcere bisogna garantire percorsi formativi di scuola elementare, medie, superiori e anche universitari, i molteplici progetti con le varie associazioni di volontariato, i singoli volontari così detti art.17 e 78 previsti dell’Ordinamento Penitenziario, l’accesso ai vari corsi professionali pubblici o privati, l’ingresso in istituto di figure professionali e tutto il settore sanitario, come medici infermieri specialisti a vario titolo, e se a tutto questo, aggiungiamo le varie centinaia di persone che accedono quotidianamente in istituto per far visita al proprio familiare recluso ed infine i tanti avvocati che accedono per garantire il sacrosanto e costituzionalmente garantito diritto di difesa, con questi numeri, come si può contrastare riducendo al minimo l’introduzione di sostanze stupefacenti o di oggetti non consentiti? Non posso dimenticare l’assenza di ausili tecnici che possono venire in aiuto, tipo quelli previsti negli aeroporti...”

“E se a questi dati aggiungiamo il feroce taglio di personale di Polizia Penitenziaria già operato con la legge di riordino delle carriere di Polizia, si capisce quanto sia complicato operare con efficacia all’interno del sistema penitenziario.” L’unico auspicio per gli uomini dei baschi azzurri in termini di sicurezza più effettiva ed efficace è quello di portare a compimento l’unificazione con Carabinieri o Polizia di Stato come l’Europa ci chiede oramai da un decennio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento