Fermato davanti al ‘palazzo dello spaccio’, mette in moto l’auto e travolge la pattuglia dei carabinieri

L’episodio, per il quale è stato arrestato il 26enne Savino Lafaenza, è avvenuto a Stornara. I militari dell’Arma sono stati dichiarati guaribili in dieci giorni per contusioni varie

I carabinieri di Cerignola, nel corso di controlli in varie zone conosciute quali piazze di spaccio, hanno arrestato Savino Lafaenza, cl. '91, giovane di Stornara con alcuni precedenti di polizia. I militari, nel transitare in via Cassino, già teatro di svariati arresti e sequestri di droga, hanno notato una Mercedes con targa bulgara ferma proprio davanti al "palazzo dello spaccio", ragion per cui hanno deciso di controllare gli occupanti. L’autista ha però messo in moto il motore e ha violentemente speronato l’auto di servizio, distruggendo tutta la parte anteriore, per poi darsi alla fuga.

Diramate subito le ricerche, il conducente della Mercedes è stato riconosciuto nel Lafaenza che, resosi irreperibile per qualche ora, è stato poi rintracciato e tratto in arresto. Risponderà dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato. I militari, visitati presso l'ospedale di Cerignola, sono stati dichiarati guaribili in dieci giorni per contusioni varie.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento