rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Ascoli Satriano

Gioia per la cattura di Battisti. Il nipote del poliziotto foggiano ucciso nel '77: "Finalmente, ora estradizione"

Il commento di Potito Perruggini, nipote del brigadiere Giuseppe Ciotta, di Ascoli Satriano, ucciso nel 1977: "Ora il governo spinga per l'estradizione"

La notizia dell'arresto del terrorista Cesare Battisti ha fatto letteralmente il giro del mondo. Dalla Bolivia, dove il fuggitivo è stato stanato dalle forze di polizia, ad Ascoli Satriano, nel Foggiano, che conta una delle vittime del terrorismo rosso.

Ovvero, il brigadiere di polizia Giuseppe Ciotta, ucciso nel 1977. A commentare a caldo la notizia, all'AdnKronos, è Potito Perruggini, nipote di Ciotta: "Una bellissima notizia per tutti i famigliari delle vittime del terrorismo. Ho apprezzato il fatto che ora i terroristi vengono chiamati terroristi e non più 'ex'. Il clima è cambiato, Battisti è stato finalmente catturato. Ora il governo deve spingere per l'estradizione, siamo fiduciosi perchè ora ci sono le motivazioni e la determinazione che in passato non c'erano". Le vittime - osserva - saranno sempre vittime e purtroppo non potranno mai essere 'ex' vittime del terrorismo. Ora avanti con la ricerca della verità storica sul terrorismo, che non sempre coincide con quella giudiziaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioia per la cattura di Battisti. Il nipote del poliziotto foggiano ucciso nel '77: "Finalmente, ora estradizione"

FoggiaToday è in caricamento