menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapine e assalti a portavalori in attesa del colpo della vita: 18 arresti tra il Foggiano e la Campania

Tra gli indagati, anche foggiani e cerignolani: nel complesso, l’organizzazione è ritenuta responsabile, a vario titolo, di 5 rapine una delle quali tentata, commesse anche con l’utilizzo di armi da guerra come fucili e kalashnikov

Attraverso una serie di ‘rapine-satellite’, in danni di portavalori o istituti di credito, stavano accumulando il denaro necessario per mettere in piedi il 'colpo della vita', una rapina da 20milioni di euro da mettere a segno in Germania, utilizzando come ‘testa di ponte’ la città di Verona. Il progetto del sodalizio che vedeva insieme professionalità e competenze criminali delle province di Salerno, Foggia e Napoli si è però sgretolato con l’operazione di polizia "Last day", che all’alba di oggi ha portato all’esecuzione di 18 arresti in seguito all’ordinanza (custodia in carcere per 9 persone, arresti domiciliari per 8, l’obbligo di dimora e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria rispettivamente per 2, una persona è ricercata), emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore.

VIDEO | Foggiani e campani insieme, in attesa del 'gran colpo' a Francoforte

Gli indagati e la sequenza di 'Rapine-Satellite'

Tra gli indagati, molti foggiani: Angelo Carbone, di 51 anni, Antonio De Sandi di 68, Angelo Pugliese cerignolano di 45, Giancarlo D’Abramo cerignolano di 40 ed il coetaneo Pasquale Pecorella; per loro la custodia cautelare è in carcere. Ai domiciliari, invece, Luigi Delli Carri, 46enne, Ciro Bruno di 39 anni, Maurizio Correra di 52 e Francesco Cucchiarale, cerignolano di 21 anni. L'operazione è stata condotta dalla polizia con il supporto delle autorità tedesche: nel complesso, l’organizzazione è ritenuta responsabile, a vario titolo, di 5 rapine una delle quali tentata, commesse anche con l’utilizzo di armi da guerra come fucili a pompa e kalashnikov, nelle province di Salerno, Avellino, Foggia e Napoli sfruttando un “basista” dipendente della Cosmopol, di Pomigliano D’Arco.

conferenza stampa ps-4

Da quanto emerso, si trattava di un gruppo spietato, senza scrupoli, pronto a tutto per centrare il risultato. Le indagini, condotte dal Servizio Centrale Operativo e dalle Squadre Mobili di Salerno e Foggia sono state avviate a seguito di una rapina ad un furgone portavalori commessa a Fisciano, lo febbraio scorso. Da qui la competenza della Procura di Nocera Inferiore. Un commando assaltò un portavalori della società irpina Cosmopol tra gli svincoli di Montoro Inferiore e Fisciano. I malviventi minacciarono gli agenti della vigilanza che erano a bordo del furgone blindato riuscendo a portare via una ingente somma di denaro, 78mila euro, destinata ad alcune banche della zona. I banditi si dileguarono, ma solo apparentemente. Altre rapine ad aprile a Solofra e poi a Foggia (Unicredit). Un'altra rapina il 21 luglio alla biglietteria degli Scavi di Pompei e una tentata rapina ad Acerra. Ulteriori attività investigative, intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno consentito di ricostruire la struttura organizzativa della banda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento