Rapina, estorsioni, furto, lesioni e falsa testimonianza: quattro arresti per reati commessi negli anni scorsi

Nei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno eseguito quattro provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria nei confronti di altrettante persone, per reati commessi negli anni scorsi e scoperti grazie alle indagini

A Cerignola i militari della locale Stazione hanno arrestato un 39enne in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari. L'uomo dovrà espiare una pena residua di quattro anni, un mese e 17 giorni per rapina, estorsione e furto, commessi tra il mese di gennaio e marzo 2017 a San Nicandro Garganico.

Un altro 39enne è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte di Appello di Bari in sostituzione degli arresti domiciliari, a cui si trovava sottoposto per rapina commessa nel 2017 a Ruvo di Puglia. Il provvedimento è scaturito a seguito delle violazioni alle prescrizione impostegli, che sono state accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria dai carabinieri di Cerignola; i militari, infatti, lo avevano già arrestato in flagranza del reato di evasione la notte del 4 gennaio scorso, quando era stato sorpreso all’esterno dell’abitazione dove era stato sottoposto ai domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico. Entrambi sono stati associati alla casa circondariale di Foggia.

Sempre a Cerignola, un altro trentanovenne è stato raggiunto da un’ordinanza di detenzione domiciliare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano; dovrà espiare la pena di 1 anno e sei mesi di reclusione per falsa testimonianza, commessa nel 2012 a Milano. Dopo le formalità di rito, è stato sottoposto alla detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

Ad Ascoli Satriano i carabinieri del posto hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Bari nei confronti di un 31enne, che dovrà espiare la pena residua di un anno, cinque mesi e 21 giorni di reclusione per rapina, lesioni personali e porto di oggetti atti ad offendere, commessi nel 2017 a Foggia. Dopo le formalità di rito è stato trasferito in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento