Adoc Foggia: “Ecomafia 2019, Capitanata e Puglia seconde in Italia. Un dato allarmante”

A dichiararlo è Adoc Foggia in relazione al rapporto “Ecomafia 2019”. “Allarmanti anche i dati sull’illegalità nel ciclo del cemento, contro la fauna sulla terraferma e a mare, gli incendi e l’arte rubata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Seconda in materia di ciclo illegale dei rifiuti nel 2018. Un lugubre primato per  Foggia e la Capitanata che, tuttavia, la dice lunga sulle logiche che ancora presiedono al ciclo dei rifiuti e sui dati per buona parte insoddisfacenti sulla raccolta differenziata”.

A dichiararlo è Adoc Foggia in relazione al rapporto “Ecomafia 2019”. “Allarmanti anche i dati sull’illegalità nel ciclo del cemento, contro la fauna sulla terraferma e a mare, gli incendi e l’arte rubata.

Il quadro d’insieme denota una totale mancanza di tutela e controllo del territorio ed enormi difficoltà nella programmazione e nella gestione del ciclo dei rifiuti. Non a caso, qualche mese fa, realizzammo un monitoraggio che metteva in risalto tutte le luci e le ombre della raccolta differenziata in Capitanata. È un sistema che fa acqua da tutte le parti e i cui costi finali si scaricano inevitabilmente sui cittadini-consumatori e sull’ambiente”, conclude Adoc Foggia.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento