”Basta aggressioni”, anche il Sap di Foggia manifesta a Roma: “Restituire dignità e onore alla divisa”

La delegazione del Sindacato autonomo di Polizia sarà presente alla manifestazione del prossimo 14 ottobre: “Le aggressioni sono diventate una triste realtà”

Ci sarà anche il Sap di Foggia alla manifestazione nazionale in programma a Roma il prossimo 14 ottobre, per dire basta alle aggressioni agli uomini in divisa. 

“La stragrande maggioranza dei colleghi non ne può più di subire passivamente l’avvilente realtà operativa che sta vivendo negli ultimi mesi, e non vede l’ora di manifestare“, fa sapere il segretario provinciale Giuseppe Vigilante.

“Manifestare il dissenso per una straordinarietà che è diventata oramai una triste realtà: quella delle aggressioni che subiamo. Sapete che lo scorso anno, il Presidente del Consiglio si era impegnato per l’apertura dei tavoli di lavoro per nuovi protocolli operativi e nuove tutele legali. Nulla è stato fatto. Si sono solamente moltiplicate esponenzialmente il numero delle aggressioni e dei feriti tra gli uomini in divisa. Faremo la manifestazione con la correttezza e la dignità che ci contraddistinguono, ma con grande fermezza; posto che la stessa nasce aperta a tutti coloro i quali condividono i nostri valori e i problemi che ogni giorno affrontiamo in strada, non ci sono preclusioni per chi vorrà aderire“, aggiunge Vigilante. 

Quella in programma il prossimo 14 ottobre sarà, dunque, una manifestazione che ha lo scopo di condurre a un serio cambiamento “per convincere coloro che fino a oggi sono rimasti sordi alle nostre numerose sollecitazioni. Devono comprendere quali sono le nostre difficoltà di servizio e che è necessario intervenire per consentire agli operatori delle Forze dell’Ordine e del Soccorso Pubblico di svolgere al meglio la funzione cui sono preposti. In Parlamento giace una proposta di legge presentata dall’On. Tonelli che consentirebbe di introdurre nel nostro ordinamento adeguate garanzie funzionali per gli operatori. Il disegno di legge, è figlio di un lungo percorso studiato e ragionato negli anni e deve essere sostenuto da tutti quelli che hanno a cuore la sicurezza del Paese, senza distinzioni di parte“.

Il Sap - conclude Vigilante -, assieme al LeS e all’Fsp Polizia di Stato, i colleghi della Polizia Penitenziaria rappresentata dal SAPPE, i Carabinieri con il SimCC, i finanzieri con il SimGdF e i Vigili del Fuoco rappresentati dal Conapo, e auspichiamo anche insieme a molti altri, scendono in piazza per dire basta alle aggressioni alle Donne e agli Uomini in divisa. Vogliamo le bodycam, nuovi protocolli operativi, tutela legale, vorremmo contratti decorosi, ma soprattutto quello che cerchiamo è un cambiamento nella vita operativa. Restituire dignità e onore alla nostra divisa“.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento