Acque limpide ed "eccellenti" sul Gargano, ma bagnanti alle prese con l'incubo meduse

Si registra la presenza di meduse, perlopiù di piccole dimensioni, nelle acque del Gargano. La maggior parte degli avvistamenti riguarda lo specchio di mare tra Torre Mileto, Capoiale e Foce Varano

Una medusa

In questi giorni uno degli aspetti che sta caratterizzando l'estate al mare è la presenza di meduse, perlopiù di piccole dimensioni, nelle acque limpide dell'Adriatico, anche in quelle eccellenti del Gargano.

La maggior parte degli avvistamenti riguarda lo specchio di mare tra Torre Mileto, Capoiale e Foce Varano. 

Vero incubo dei bagnanti - alcuni dei quali sostengono di essere stati colpiti dal liquido urticante che iniettano - un paragrafo su questi animali lo troviamo nella ricerca 'Animali marini velenosi nel Mediterraneo' a cura della dott.ssa Anna Lepore, autrice insieme al dott. Leonardo Pennisi, presentato qualche anno fa a Pavia.

Cosa sono

Come immaginavamo, l’incubo dei bagnanti è rappresentato principalmente dalle meduse, animali planctonici appartenenti al Phylum dei Celenterati, anche detti cnidari, che hanno la forma di un polipo rovesciato. L’animale marino presenta una parte superiore detta ‘esombrella’ ed una inferiore, ‘subombrella, ovvero quella dei tentacoli, dove sono presenti gli cnidociti, cellule che svolgono una funzione difensivo-offensiva.

La puntura

Essi si attivano grazie ad un meccanocettore, lo cnidociglio, ed estroflettono filamenti urticanti, le nematocisti, collegate ad appositi organuli, gli cnidoblasti, che contengono un liquido urticante. Lo cnidocita si attiva non solo per semplice contatto, ma anche in seguito ad un segnale di natura chimica. Lo cnidocita attivato apre lo cnidoblasto, dal quale fuoriesce la nematocisti che ad altissima velocità penetra nel corpo del malcapitato, aprendo un foro nell’epidermide e rilasciando le sostanze tossiche.

I dolori

Dopo essere venuti a contatto con i tentacoli delle meduse, la prima sensazione avvertita è di intenso bruciore, simile a quello causato dal contatto con le ortiche. Le lesioni cutanee sono pruriginose, eritematose ed edemato-vescicolose. A livello oculare possono verificarsi congiuntiviti, ulcerazioni della cornea, chemosi ed edema palpebrale.

I sintomi

In seguito possono comparire sintomi generali quali: nausea, vomito, vertigini, dolori, addominali, cardiopalmo, crampi muscolari, parestesie, reazioni anafilattoidi, aritmia, ipotensione e nei casi gravi convulsioni, coma e arresto cardiocircolatorio. Nei casi più severi è consigliabile l’ospedalizzazione.

Cosa fare

La tecnica di decontaminazione da attuare immediatamente è quella di rimanere in acqua e passare delicatamente la mano sulla zona interessata, allontanando cosi le nematocisti. Sarebbe però consigliabile l’utilizzo di un guanto in lattice così da evitare che le nematocisti si aprano sulla mano. È possibile applicare acido acetico in soluzione al 5% oppure della schiuma da barba, che verrà rimossa dopo qualche minuto con la parte non tagliente della lama di un coltello o con una comunissima carta di credito. Altro metodo è spremere polpa di papaya (Carica Papaya L.) sulla zona interessata. La Carica Papaya contiene enzimi ad azione proteolitica, tra i quali la papaina che degrada facilmente le sostanze tossiche. Altra tecnica molto accreditata è quella dell’utilizzo di un gel al 5% di cloruro di alluminio esaidrato sia come preparazione galenica che come prodotto commerciale. Il cloruro di alluminio esaidrato, AlCl3-6H2O, è molto utilizzato poiché ha una spiccata azione astringente, quindi se si applica velocemente ridurrà l’azione tossica delle nematocisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

P.S. È stato dimostrato che l’acqua dolce e l’alcool vanno evitati, poiché causano l’apertura delle nematocisti presenti sulla pelle. La stessa acqua dolce causa una differente pressione osmotica che potrebbe causare l’apertura delle nematocisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento