Regionali Puglia 2020

Salvini contestato a San Giovanni, replica ai fischi e al coro "scemo, scemo": "Mia figlia di 7 anni più evoluta di voi"

Tappa a San Pio e in piazza a San Giovanni Rotondo per Matteo Salvini, contestato da un centinaio di persone prima e durante il suo intervento

Salvini e i contestatori

Anche a San Giovanni Rotondo, davanti a decine e decine di persone, Matteo Salvini ha dovuto fare i conti con i contestatori, tenuti a debita distanza dal palco e dalla piazza della Lega antistante il Comune, dalla barriera formata dai carabinieri. 

Fischi, striscioni e cori hanno accompagnato l'intervento del senatore. Non sono mancati momenti di tensione quando il segretario federale della Lega ha risposto a chi gli urlava scontro 'Scemo, scemo", bollando i manifestanti come "fischiettanti che cercano fascisti in assenza di fascisti".

E ancora, "se l'uomo mangia male poi viene su come quelli là" ha detto con il dito rivolto al drappello di oppositori, circa 150 secondo alcune indiscrezioni.

 "Mia figlia che ha 7 anni ha un pensiero più evoluto di voi" ha aggiunto il leader del Carroccio, che prima di arrivare in piazza accolto dalla candidata di casa Marianna Natale, ha fatto visita alla tomba di San Pio, visita annunciata ieri dal palco del centrodestra di Bari e confermata oggi a Modugno: "Visto che in Toscana quella signora, oltre ad aggredirmi, mi ha maledetto, faccio un salto a San Giovanni Rotondo, perché non si sa mai".

Nel suo tour in Puglia Salvini ha anche ironizzato sul processo del 3 ottobre di Catania che lo vede imputato per sequestro di persona: "Rischio 15 anni di carcere, se becco il Palamara sbagliato altro che San Giovanni Rotondo."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini contestato a San Giovanni, replica ai fischi e al coro "scemo, scemo": "Mia figlia di 7 anni più evoluta di voi"

FoggiaToday è in caricamento