Emiliano ci prova, i cinquestelle rifiutano e rilanciano: “Ruoli di garanzia e di controllo”

I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle accusano Emiliano di “violenza inaudita” per la nomina dei tre assessorati e chiedono invece la presidenza del Consiglio e delle commissioni Bilancio e Ambiente

Gli assessori del Movimento 5 Stelle

Com’era nell’aria, i cinquestelle non accetteranno gli incarichi assessorili annunciati ieri dal Parco Hotel dei Principi di Bari da Michele Emiliano. Si tratta di tre assessorati a tre esponenti donne, di cui l’Agricoltura a Rosa Barone, che dal suo profilo Facebook precisa: “A chi dice che dobbiamo accettare, ricordo che il caro presidente ancora tace sui ruoli di garanzia che dovrebbero andare di diritto all'opposizione. Aspettiamo, visto che gli sfugge  la presidenza del Consiglio Regionale oppure la presidenza delle commissioni. A quelle diciamo sì”.

Riferendosi a Michele Emiliano, per i consiglieri regionali del movimento, “la paura di essere controllato dalla principale forza di opposizione lo ha portato a compiere quello che è un atto di una violenza istituzionale inaudita nei confronti di tutti i pugliesi”.

Proseguono i pentastellati: “Ci chiediamo come si possa immaginare un atto di violenza tale proprio nel giorno in cui, nonostante queste “finte aperture mediatiche” avevamo raccolto il suo terzo no ad un nostro concreto tentativo di collaborazione (il primo lo avevamo incassato quando gli abbiamo chiesto un incontro sulle trivellazioni ed ha rifiutato, il secondo quando si è rifiutato di incontrarci concedendoci solo qualche ora di slittamento dell’incontro), dopo aver lavorato e fatto al posto suo un esercizio di vera democrazia diretta raccogliendo 160 curricula di pugliesi di qualsiasi orientamento politico che il governatore si è rifiutato anche solo di valutare. Oggi arriva questa notizia che, come se fosse normale apprendiamo dalla stampa a riprova del fatto che si tratta solo di un banale "fuoco d'artificio mediatico" che da un lato ci fa sorridere e dall'altro ci preoccupa molto e forse dovrebbe preoccupare tutti i pugliesi.

E aggiungono: “E’ chiaro che, non esercitando la professione di magistrato da un po’, ha totalmente dimenticato tutto quello che ci auguriamo almeno un tempo sapesse e cioè il principio basilare della democrazia per cui dal risultato elettorale vien fuori una maggioranza ed un’opposizione. Entrambe sono importantissime e meritano il massimo rispetto di tutte le istituzioni: rispetto che oggi è andato a farsi benedire. Con questo gesto Emiliano ha fatto capire a tutti come intende governare in questi cinque anni: senza il minimo rispetto per nessuno ed infischiandosene della volontà nostra che garbatamente abbiamo più volte risposto alla sua offerta e di quella dei cittadini, anche suoi elettori, espressa dal mandato elettorale, che poco più di un mese fa hanno scelto di essere governati dal suo partito e di affidare il controllo del suo operato alla principale forza di opposizione, il Movimento 5 Stelle”.

E poi ancora: “Se questa è la linea che Emiliano intende seguire nel governo della nostra Regione confermandosi un "violento" nel tentare di imporre la sua volontà alle opposizioni esattamente come Renzi, temiamo davvero che tempi bui possano attendere la nostra regione. Un atto del genere non poteva che scaturire da politici di un partito a cui di democratico oramai è rimasto soltanto il nome. Inutile ribadire che rifiuteremo il compromesso dietro questi incarichi come tutti d’altronde sanno da oltre un mese e lo faremo sicuramente con ancora meno dubbi del passato visto questo suo gesto di violenza.

Concludono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle: “Questo è il tempo per il lavoro serio, come quello che stiamo già facendo per migliorare finalmente la nostra regione: non abbiamo intenzione di vendere il nostro silenzio in cambio di poltrone e piuttosto attendiamo lui, il suo partito e le sue sedicenti aperture al M5S alla prova dei voti quando si tratterà di votare gli incarichi di garanzia e di controllo per le quali abbiamo già dato la nostra disponibilità: presidenza del Consiglio Regionale e presidenza delle Commissioni Ambiente e Bilancio. Lì vedremo se vorrà rispettare la volontà dei cittadini dandoci la possibilità di controllare in modo trasparente l’operato del suo governo e se dirà per l'ennesima volta “no” dovrà spiegarlo non solo a noi ma a tutti i pugliesi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento