menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foggia 'salva' la Lega, che perde ovunque. Anche a San Severo. Cusmai: "Abbiamo dato il massimo"

Nota del commissario provinciale. Ironia della sorte, è un azzurro a salvare la faccia al partito, che perde ovunque. Soprattutto a San Severo, dove era stato portato finanche Matteo Salvini

"Foggia resta convintamente di centrodestra. Siamo orgogliosi del risultato raggiunto perché vuol dire che la città ha voluto continuare a dare fiducia a Franco Landella e al suo progetto politico che vede la Lega in prima linea con il 13% e una forte rappresentanza in Consiglio comunale; a nome del partito provinciale sono felice di augurare buon lavoro ai nostri eletti Massimiliano Di Fonso, Alfonso Fiore, Salvatore De Martino, Liliana Iadarola e Concetta Soragnese, ma i il ringraziamento e riconoscimento va a tutti i candidati che hanno lavorato per la squadra e per l’affermazione della Lega con dedizione, passione, sacrificio, consapevoli di essere parte integrante del progetto politico della Lega che deve continuare a crescere e a contare nella città e nell’azione amministrativa della giunta Landella". Così Daniele Cusmai, commissario provinciale della Lega, all'esito del turno di ballottaggio.

Cusmai tocca piano la sconfitta (cocentissima) a San Severo, per cui si sono spesi i maggiorenti della Lega, a partire da Matteo Salvini, a Massimo Casanova, a Raimondo Ursitti."Il più sincero ringraziamento va a Maria Anna Bocola per la straordinaria campagna elettorale fatta e per il lustro che ha dato alla Lega, in questi mesi e dopo essere stata avanti al primo turno, ma che non è riuscita a San Severo nella vittoria al ballottaggio. Dispiace anche per Torremaggiore e San Giovanni Rotondo dove il centrodestra non ha vinto, ma ringraziamo tutti i rappresentati della Lega per aver dato il massimo". 

Quindi la prospettiva. "Ora ci attende un importante lavoro  su tutto il territorio di Capitanata per  organizzare e radicare sempre di più il partito, costituendo una struttura in ogni comune, per aumentare la partecipazione e migliorare ancora i risultati raggiunti in questa tornata elettorale: ora l’obiettivo sono le elezioni regionali del 2020 per liberare la Puglia da Emiliano e la sinistra che da 15 anni governano male la nostra splendida Regione" conclude Cusmai.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento