menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pompilio e Di Mauro

Pompilio e Di Mauro

Di Mauro azzittisce “il solista” Pompilio: “In Forza Italia si gioca di squadra”

Il coordinatore provinciale di Forza Italia sferra l’attacco contro il sindaco uscente e candidato alla guida della coalizione formata da tre civiche compreso l’NCD

Raffaele Di Mauro difende Forza Italia dagli affondi dell’ex forzista Luigi Pompilio, sindaco uscente di San Giovanni Rotondo e candidato per una nuova consiliatura all’interno di una coalizione formata da tre liste, tra cui la ‘San Giovanni Rotondo Popolare’ di De Leonardis e Di Giuseppe. “In una fase così importante come quella del rinnovo delle cariche amministrative, in un comune strategico per la provincia di Foggia come San Giovanni Rotondo è un errore madornale arroccarsi su posizioni personali”.

Il coordinatore del partito in provincia di Foggia precisa: “Le coalizioni elettorali si costruiscono attorno ad un progetto, ad un programma, non al nome di un candidato. Alla luce dello scarso risultato conseguito da Forza Italia alle scorse regionali (che non possiamo nascondere), della mancanza di una dirigenza organizzata e addirittura dell'assenza di una semplice sezione locale, era doveroso avviare un percorso nuovo anche a San Giovanni Rotondo”.

Poi spiega i motivi che hanno spinto il partito locale ad appoggiare Costanzo Cascavilla: “La collaborazione avviata con amici appartenenti a contenitori civici porteranno nel Comune di San Pio una ventata di freschezze anche al simbolo di Forza Italia. Con loro abbiamo avviato una riflessione che ci ha portato ad individuare in Costanzo Cascavilla e nella sua coalizione il progetto migliore per amministrare San Giovanni Rotondo nei prossimi cinque anni. La nostra speranza era che la stessa riflessione la facessero anche altri amici che, invece, con evidenza, in tempi non sospetti, avevano già scelto altri lidi nella convinzione di essere indispensabili”.

Di Mauro sferra l’attacco a Pompilio: “Oggi nessuno è indispensabile e in Forza Italia si gioca di squadra, i solisti restano tali. Non si può sostenere di appartenere ad un partito solo quando ciò fa comodo, o, peggio, quando serve alla conservazione della propria posizione politica. Si appartiene ad un partito spendendosi per esso, aggregando per esso, rispettandone ruoli ed eletti, quantomeno tesserandosi, quando tutte queste prerogative vengono a mancare meglio tacere piuttosto che sostenere l'impossibile”.

L’esponente azzurro conclude: “Da oggi si apre a San Giovanni Rotondo un nuovo corso per Forza Italia con un portavoce per questa campagna elettorale individuato in Mimmo Longo. Lasciamo al passato e ad altri la polemica, noi pensiamo alla programmazione politica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento