Eventi

Il Cataleta Jam Fest apre ai musicisti più giovani, nel segno del Maestro: "Il modo migliore per preservare la memoria di Gianni nel tempo"

La terza edizione del festival dedicato alla memoria del chitarrista foggiano si terrà lunedì 30 agosto a Foggia. Sul palco allievi, amici di sempre e artisti che si esibiranno per la prima volta

Torna il Cataleta Jam Fest, il festival musicale dedicato alla memoria del maestro e chitarrista foggiano Gianni Cataleta. La terza edizione si terrà lunedì 30 agosto dalle 21.15 nel giardino di Papone 2.0, in via Trinitapoli 24 a Foggia.

Anche quest’anno la kermesse consacra la formula vincente delle scorse edizioni: si comincia con le esibizioni soliste o di gruppo degli allievi e degli amici di sempre per poi trasformare lo stage in una libera condivisione di musica e vibrazioni nel segno del suo ricordo con una lunga jam session jazz che unirà tantissimi artisti di grande talento.

Un viaggio attraverso il jazz, il blues e il funk, che quest’anno apre le porte anche a nuove sperimentazioni e alla musica popolare con l’ingresso in scaletta di artisti che si esibiranno per la prima volta sul palco di questa kermesse.

La direzione artistica è affidata alla famiglia del Maestro, Lucia, Rosa e Rita Cataleta, che ogni anno non smettono di riunire quanti lo hanno conosciuto, vissuto e apprezzato per far sì che il suo ricordo e la sua memoria non svaniscano mai e si conservino nel tempo, fino ad arrivare alle nuove generazioni.

L’apertura della jam anche a musicisti più giovani, ci sembra un buon modo per preservare la memoria di papà nel tempo - afferma Lucia Cataleta - Gianni è un’icona nel mondo della musica in città e noi abbiamo il dovere di trasmettere il suo ricordo anche a chi per ragioni anagrafiche non ha avuto modo di conoscerlo personalmente”.

La musica di qualità, lo studio matto e disperatissimo, la condivisione, l’amicizia, il rispetto sul palco, sono i valori che Gianni ha inseguito per tutta la vita, lavorando sodo per diffondere una cultura musicale di altissima qualità sul territorio, indottrinando in questo senso decine e decine di allievi passati per la sua storica Guitar School Studio, la scuola di chitarra fondata a Foggia nel lontano 1986. Gianni è stato, infatti, un grande Maestro: alla Guitar School Studio sono approdati e passati centinaia di ragazzi, molti dei quali sono rimasti suoi allievi per anni, forgiandosi come veri e propri musicisti professionisti. Con il suo carisma e la sua verve sapeva unire tutti, giovani e meno giovani, spingendo sempre per lo stare insieme e soprattutto per suonare insieme, in armonia. Lo faceva con dei laboratori musicali, i famosi meeting del mercoledì, dove invitava allievi e amici musicisti ad allenarsi perché “Se suoniamo facciamo meno danni”, ripeteva sempre.

Sul palco: Fabio Papadia, Luigi Mitola, Roberto Maddalena, Mario Canfora, Gaetano Contardi, Marta Dell'Anno, Andrea Marchesino, Pierluigi Vannella, Guido Paolo Longo de la Unza Unza Band, Francesco Palmitessa, Giovanni Cafaro, Fabrizio Di Carlo, Antonio Catano, Antonio Cicoria, Jerry Ruotolo, Nicola Scagliozzi, Annamaria Longo, Angelo Palazzo, Nicola Jocola, Natale La Riccia, Massimo Baldassini, Vito Longo e tutti coloro che vorranno partecipare alla jam.

Ad accogliere lo spirito del festival e i suoi intenti anche Alessandro Centra e Alessandro dell’Aquila, titolari di Papone 2.0, che hanno deciso di aprire le porte ai musicisti foggiani e ad una kermesse che da anni ribadisce l’importanza dei live e della musica dal vivo recuperandone lo spirito e l’energia. Il service, invece, sarà affidato ai professionisti del Combo Studio di Lucera, guidati da Raffaele Fortunati, che si distinguono sul territorio per qualità e professionalità.

“Siamo felicissimi e onorati di dare un contributo per questo splendido evento - afferma Alessandro Centra  - Capisco bene come ci si sente e so quanto è importante che il ricordo di un maestro come Gianni continui a vivere nei cuori di chi ha amato. Questo festival è l’esempio palese che l’amore non conosce la morte”.

La terza edizione, fortemente voluta dalla famiglia nonostante le difficoltà legate al momento storico in corso, preparerà il terreno per la grande edizione del prossimo anno, che sancirà i 10 anni dalla scomparsa di Gianni, per cui si lavorerà per organizzare un evento che coinvolga l’intera cittadinanza e l’amministrazione comunale.

Gianni Cataleta, classe 1950 è un musicista foggiano che per tutta la vita ha svolto la professione sul territorio, in Italia e all'estero. Dopo anni di turnée in giro per l’Italia e per il mondo, durante le quali ha accompagnato grandi artisti della scena musicale dell’epoca, torna a Foggia nel 1986 con un progetto: istituire la Guitar School di Gianni Cataleta, con i cui corsi ha formato e preparato centinaia di giovani musicisti, molti dei quali sono diventati chitarristi affermati in Italia e all'estero. Il suo grande carisma e la sua grande e profonda preparazione dello strumento hanno fatto di Gianni un'icona nel panorama musicale locale e non, nonché un maestro di musica e di vita per tutti quelli che lo hanno conosciuto.

Per informazioni e prenotazioni: 345.2311789

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cataleta Jam Fest apre ai musicisti più giovani, nel segno del Maestro: "Il modo migliore per preservare la memoria di Gianni nel tempo"

FoggiaToday è in caricamento