menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alta velocità, si rischia lo scippo: il Senato valuta lo spostamento di 1,6 miliardi dalla Bari-Napoli alla Avellino-Benevento

Nuova nota preoccupata dell'assessore regionali ai Trasporti Giovanni Giannini. Il 15 novembre conferenza stampa del consigliere provinciale Pasquale Cataneo

“Sulle dichiarazioni del componente della Commissione Trasporti della Camera On. De Lorenzis , relative alla richiesta a RFI di una nuova revisione del tracciato tra Apice e Orsara, purtroppo non ci sono dubbi" esordisce così l'assessore regionale ai Trasporti Giovanni Giannini in una nota in cui torna a paventare rischi per l'Alta velocità - Alta Capacità Napoli Bari. "Nel verbale della 8° Commissione del Senato - spiega Giannini- è scritto chiaramente (il virgolettato è pedissequo): “relativamente all’intervento AV/AC Napoli-Bari, si valuti la possibilità di procedere senza la variante di Grottaminarda e di destinare le risorse previste, pari a 1,6 miliardi di euro, alla progettazione e realizzazione immediata della nuova linea ed elettrificazione della linea Avellino-Benevento”.

“La proposta insomma è quella “di “spostare 1,6 miliardi di euro …. immediatamente dalla Napoli-Bari alla Avellino-Benevento!!” Solo un depistaggio? Torna prepotente alla mente quel detto di quel qualcuno in base al quale  a pensar male forse si fa peccato, ma il più delle volte ci si prende! Ora - continua l'assessore-, visto che la variante di Grottaminarda consta di due lotti, l’Apice-Hirpinia di 955 milioni di euro e l’Hirpinia-Orsara di 1,6 miliardi di euro, è lecito chiedersi   se sacrificare il secondo lotto del tratto Apice-Orsara, quando il primo è già in gara, non significhi  iniziare ciò… che non si ha intenzione di finire! Parlare oggi di una nuova ipotesi di tracciato in affiancamento, con la Frana di Montaguto che continua inesorabilmente ad avanzare, significa accelerare o ritardare ulteriormente i lavori sulla Napoli-Bari?

“Mi sembrano domande legittime.Il mio intervento non voleva affatto sviare l’attenzione da alcun che, atteso che sui fatti che mi contesta l’on. De Lorenzis, restituisco al mittente ogni illazione. E mentre sui costi del nuovo consiglio regionale, parleremo al termine degli accertamenti avviati, sui bacini di traffico delle province, definiti antiquati, De Lorenzis non sa, che proprio i Piani di bacino coincidenti con i territori delle province rappresentano e confermano un sostanziale auto contenimento della domanda sull’attuale perimetrazione. Ma anche su questo risponderanno gli atti ufficiali.

“Ribadendo allora le mie preoccupazioni, invito l’on. De Lorenzis a leggere ed informarsi prima di lanciarsi in avventurosi giudizi ed interpretazioni delle iniziative regionali. La cultura di prendere posizioni politiche su menzogne o fatti distorti, non mi appartiene. Constato, di contro, come ai rappresentanti del Movimento 5S riesca egregiamente.”

L'allarme del consigliere provinciale Pasquale Cataneo

"A livello parlamentare è in discussione l’Atto di Governo n. 46, che è stato approvato con l’espressione di un parere favorevole dalla 8^ Commissione permanente del Senato, previa apposizione di numerose condizioni relative ad alcuni aspetti ed argomenti rilevanti per le connotazioni infrastrutturali, soprattutto in ambito ferroviario, in collegamento con altre strutture puntuali quali ad esempio porti ed aeroporti che riguardano poco e/o male, direttamente o indirettamente, la Capitanata" scrive l'esponente locale. "Ciò assume maggiore contraddizione soprattutto in considerazione dello svolgimento a Foggia la scorsa settimana, presso la Prefettura, di una riunione di rappresentanti di Istituzioni, Enti locali ed Associazioni di categoria promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri avente per oggetto un Programma di Sviluppo per la Capitanata. L’incontro è stato definito, nella lettera di convocazione, quale propedeutico alla stesura di documento concernente alcune tematiche tra le quali sono ricomprese anche quelle infrastrutturali come la viabilità dei Comuni del Subappennino e l’aeroporto Gino Lisa soprattutto con l’orizzonte della promozione del settore turistico".

Nel corso di una conferenza stampa indetta per il prossimo 15 novembre alle ore 10.30 presso la Sala della Ruota, sita al primo piano di Palazzo Dogana in piazza XX settembre a Foggia, il consigliere provinciale e comunale di Foggia Pasquale Cataneo esporrà le criticità che riguardano le reti, le infrastrutture e la loro incompiuta visione sistemica in Capitanata,  emergenti dalla lettura del documento parlamentare in esame, così come emendato, ed i riverberi che ci potrebbero essere anche in riferimento ad alcuni temi oggetto del predetto Programma di Sviluppo come ad esempio il ruolo della struttura aeroportuale foggiana per il Distretto Turistico del Gargano e, più in generale, dell’intera area vasta che sovrasta l’ambito provinciale della Capitanata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento