Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Buon anno alla malavita di Foggia". E spara in strada: identificato e denunciato uomo dei Moretti - Pellegrino - Lanza

Sono bastate poche ore affinchè polizia e carabinieri riconoscessero in quelle immagini un giovane pregiudicato foggiano, classe 1988. Lo stesso era stato arrestato nell'operazione Decimabis, ma era tornato in libertà a seguito alla pronuncia del Tribunale del Riesame di Bari

 

Augura "Buon anno a tutta la malavita di Foggia" impugnando un'arma ed esplodendo colpi di pistola strada. Il tutto immortalato in un video diventato subito virale. Sono bastate poche ore affinchè polizia e carabinieri riconoscessero in quelle immagini un giovane pregiudicato foggiano, classe 1988, ritenuto intraneo alla 'batteria' dei Moretti-Pellegrino-Lanza.

Questa mattina, infatti, gli agenti della Squadra Mobile di Foggia e del Nucleo Investigativo del Comando provinciale Carabinieri di Foggia hanno eseguito una perquisizione ex art. 41 T.U.L.P.S. presso l’abitazione dell'uomo, che era stato arrestato lo scorso 16 novembre, nell’ambito dell'operazione antimafia 'DecimaBis' ed era da poco tornato in libertà a seguito alla pronuncia del Tribunale del Riesame di Bari.

L'attività è partita in seguito alla diffusione sui social network prima e sulle principali testate locali e nazionali poi di un video in cui un uomo, subito riconosciuto dagli investigatori, la notte di capodanno nel viale antistante la propria abitazione, dopo aver augurato 'buon anno a tutta la malavita foggiana', esplodeva in aria alcuni colpi di arma da fuoco violando altresì le disposizioni relative al contenimento della diffusione del contagio da Covid-19.

Il tempestivo intervento degli agenti della Squadra Mobile e dei carabinieri del Nucleo Investigativo, coordinato dalla Procura della Repubblica, ha consentito quindi di rinvenire alcuni bossoli a salve nel luogo ripreso nel video. In ragione dell’accertata violazione l'uomo è stato denunciato per la violazione dell’art. 703 in materia di armi e sanzionato per la violazione delle misure di contenimento del contagio da Covid-19. Sono in corso accertamenti da parte della 'Squadra Stato' finalizzati all’identificazione degli altri soggetti presenti in strada.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento