rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Comunali Foggia 2014

"Leo Di Gioia è già in campagna elettorale e si prende meriti non suoi"

Il senatore Lucio Tarquinio (Forza Italia) smonta il piano da 55 milioni per le strade in provincia di Foggia: "Sono soldi che arrivano grazie alle proposte di Fitto"

Che Leonardo Di Gioia non fosse simpatico agli ex compagni di coalizione di centrodestra era cosa ormai acclarata da tempo. Le antipatie però ora si trasformano in una vera e propria guerra. A lanciare il siluro è oggi il Senatore Lucio Tarquinio (Forza Italia) che smonta il piano da 55 milioni di euro per le strade in provincia di Foggia, bollandolo come mera propaganda elettorale per quello che già ritiene essere il prossimo candidato sindaco di Foggia.  

"La smania da campagna elettorale gioca brutti scherzi, anche quando ad esserne influenzato è un compassato assessore regionale al Bilancio come Leonardo Di Gioia", attacca Tarquinio. La colpa dell'assessore regionale al bilancio? "Sospinto nella corsa alla poltrona di sindaco per le imminenti elezioni comunali a Foggia, Di Gioia fa vanto di milionarie provvidenze finanziarie per la città e la provincia, tacendo dei meriti altrui e sottacendo la concreta spendibilità di quei soldi", continua Tarquinio che sottolinea, non senza lanciare una frecciata come Di Gioia sia in realtà un consigliere eletto con il PDL.

I CINQUE PROGETTI

L'attacco a Di Gioia, ma anche la difesa dei meriti di Fitto. "A Di Gioia vorrei ricordare che gli interventi in questione sono stati finanziati nell'ambito della delibera CIPE 62/2011 proposta dall'allora Ministro Raffaele Fitto nel'ambito del piano nazionale per il Sud", spiega Tarquinio. "L'assessore dimentica pure di dire che gli interventi sono stati approvati dalla Provincia di Foggia, di cui ha amministrato il Bilancio, con delibere di giunta nell'ottobre 2011 e che fino ad oggi non è ancora successo niente, nessun cantiere è stato avviato per quelle opere".

Tarquinio non manca di incalzare Di Gioia, chiedendogli concretezza: "L'assessore sa molto bene che ognuna delle opere pubblicizzate è classificata come intervento non immediatamente cantierabile nell'ambito dell'accordo di programma attuativo della delibera CIPE sottoscritto lo scorso 23 maggio 2013. Quindi, per sperare di realizzare concretamente quei lavori, l'assessore regionale, oltre a rendere il merito a chi quelle risorse molto faticosamente le ha assegnate alla Provincia di Foggia, dovrebbe piuttosto adoperarsi per richiederne la immediata cantierabilità. Io, invece, mi impegnerò in Parlamento a salvaguardare quei finanziamenti dalle sabbie mobili del Patto di Stabilità, a cui sono soggette e da cui potrebbero essere risucchiate e vanificate. Questo per rimarcare la mia preoccupazione non per la polemica sterile, ma per la sollecitazione costruttiva a fare meglio per fare davvero bene alla nostra città e al nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Leo Di Gioia è già in campagna elettorale e si prende meriti non suoi"

FoggiaToday è in caricamento