"Frasca, fanoia e olio novello": Carpino festeggia l'Immacolata celebrando gli usi e le tradizioni popolari

Rami d’ulivo che ardono nei borghi, l’atmosfera che si riscalda impregnandosi di odori inebrianti, i palati che si esaltano e il tempo che sembra essersi fermato a tanti secoli fa.

Si rinnova, come di consuetudine, il tradizionale appuntamento della notte dell’Immacolata, divenuto per i carpinesi un giorno scandito da riti e tradizioni immutati nel tempo: tornare indietro nel tempo, riscoprendo gli usi e le tradizioni della cultura popolare, per tramandarli alle future generazioni.

 E’ la notte di “Frasca, fanoia e olio novello” che il 7 dicembre giunge alla sua ventunesima edizione, volta a riproporre  la sentita tradizione della “fanoia”, isolato falò di rami d’ulivo che rievoca, con il fuoco che arde, l’antico rito pagano della purificazione e diventa pregno di significato cristiano alla Vigilia dell’Immacolata, poiché questo giorno è il prescelto per il rito del raccoglimento e di purificazione: l’ulivo bruciando diventa sacro e questa pianta rivela le sue molteplici attività: riscalda i cuori, rallegra le mense.  È la notte di un paese che ritorna alle sue radici e dimostra ancora una volta di saper conservare intatte le sue tradizioni.

E’ il rituale appuntamento che si rinnova ogni anno per rimanere nella storia e coltivare la memoria, la conoscenza e l’esperienza di un popolo, ma soprattutto per esprimere il legame indissolubile fra terra, tradizione e cultura: quasi a voler dire che i frutti di questo territorio non possono vivere l’uno senza l’altro.

Nei quartieri del centro storico i sapori della terra si sposano con la primitiva cottura delle patate e delle olive cotte sotto la cenere, mentre il pane preparato in tutte le umide e sapide maniere tradizionali esalta l’olio novello, simbolo per eccellenza di purezza e di prosperità, frutto di questa terra e di un intero anno di lavoro. 
 
La città dell’olio si trasforma in un vero laboratorio culturale a cielo aperto; attorno alle “fanoie” la comunità si raccoglie in questa notte sacra sulle struggenti note della Tarantella carpinese. A far da cornice per questa edizione 2019 il Progetto “GARGANO FOOD VILLAGE…A Tavola con l’olio extravergine di oliva biologico” realizzato con il contributo della Regione Puglia – Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale ed Ambientale.

Nella Piazza del Popolo i suoni travolgenti del gruppo giovanile ” “TARANT FOLK”, una formazione di giovani musicisti, spinti da una  passione verso una ricerca spasmodica di suoni e melodie tradizionali con l’unico  scopo   di mantenere attive nel tempo le tradizioni, le culture e le musiche di un tempo, renderle attuali e diffonderle, elaborando un repertorio legato agli strumenti tipici del territorio come chitarra battente, tamburello e chitarra classica: questi strumenti ricreano e rigenerano quelle atmosfere e quelle tradizioni delle radici antiche: quello dei “Tarant Folk” è uno spettacolo suggestivo e intenso.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Un borghese piccolo piccolo" al Giordano: Massimo Dapporto porta a teatro il capolavoro di Monicelli

    • oggi e domani
    • dal 15 al 16 gennaio 2020
    • Teatro Umberto Giordano
  • Festa di Sant'Antonio Abate: Rocchetta celebra il suo Patrono

    • dal 15 al 17 gennaio 2020
    • Centro
  • I Ditelo voi al Teatro Giordano con “Il segreto della violaciocca”: parte del ricavato devoluto in beneficenza

    • 1 febbraio 2020
    • Teatro Umberto Giordano
  • I falò illuminano i Monti Dauni, festa dei fuochi di Sant'Antonio a Roseto Valfortore

    • Gratis
    • 18 gennaio 2020
    • Roseto Valfortore
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento