"Frasca, fanoia e olio novello": Carpino festeggia l'Immacolata celebrando gli usi e le tradizioni popolari

Rami d’ulivo che ardono nei borghi, l’atmosfera che si riscalda impregnandosi di odori inebrianti, i palati che si esaltano e il tempo che sembra essersi fermato a tanti secoli fa.

Si rinnova, come di consuetudine, il tradizionale appuntamento della notte dell’Immacolata, divenuto per i carpinesi un giorno scandito da riti e tradizioni immutati nel tempo: tornare indietro nel tempo, riscoprendo gli usi e le tradizioni della cultura popolare, per tramandarli alle future generazioni.

 E’ la notte di “Frasca, fanoia e olio novello” che il 7 dicembre giunge alla sua ventunesima edizione, volta a riproporre  la sentita tradizione della “fanoia”, isolato falò di rami d’ulivo che rievoca, con il fuoco che arde, l’antico rito pagano della purificazione e diventa pregno di significato cristiano alla Vigilia dell’Immacolata, poiché questo giorno è il prescelto per il rito del raccoglimento e di purificazione: l’ulivo bruciando diventa sacro e questa pianta rivela le sue molteplici attività: riscalda i cuori, rallegra le mense.  È la notte di un paese che ritorna alle sue radici e dimostra ancora una volta di saper conservare intatte le sue tradizioni.

E’ il rituale appuntamento che si rinnova ogni anno per rimanere nella storia e coltivare la memoria, la conoscenza e l’esperienza di un popolo, ma soprattutto per esprimere il legame indissolubile fra terra, tradizione e cultura: quasi a voler dire che i frutti di questo territorio non possono vivere l’uno senza l’altro.

Nei quartieri del centro storico i sapori della terra si sposano con la primitiva cottura delle patate e delle olive cotte sotto la cenere, mentre il pane preparato in tutte le umide e sapide maniere tradizionali esalta l’olio novello, simbolo per eccellenza di purezza e di prosperità, frutto di questa terra e di un intero anno di lavoro. 
 
La città dell’olio si trasforma in un vero laboratorio culturale a cielo aperto; attorno alle “fanoie” la comunità si raccoglie in questa notte sacra sulle struggenti note della Tarantella carpinese. A far da cornice per questa edizione 2019 il Progetto “GARGANO FOOD VILLAGE…A Tavola con l’olio extravergine di oliva biologico” realizzato con il contributo della Regione Puglia – Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale ed Ambientale.

Nella Piazza del Popolo i suoni travolgenti del gruppo giovanile ” “TARANT FOLK”, una formazione di giovani musicisti, spinti da una  passione verso una ricerca spasmodica di suoni e melodie tradizionali con l’unico  scopo   di mantenere attive nel tempo le tradizioni, le culture e le musiche di un tempo, renderle attuali e diffonderle, elaborando un repertorio legato agli strumenti tipici del territorio come chitarra battente, tamburello e chitarra classica: questi strumenti ricreano e rigenerano quelle atmosfere e quelle tradizioni delle radici antiche: quello dei “Tarant Folk” è uno spettacolo suggestivo e intenso.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

  • L'incantevole bosco di Faeto ospita la 59esima Sagra del prosciutto

    • solo domani
    • Gratis
    • 2 August 2020
    • Bosco comunale
  • Torna la Sagra del tartufo: due giorni dedicati a una delle specialità di Roseto

    • oggi e domani
    • dal 1 al 2 August 2020
    • Ristorante Pizzeria 'Del Corso' - La Locanda di Tullio e Amalia

I più visti

  • Parte "Estate in Villa": il cartellone eventi estivi della città di Foggia

    • dal 1 July al 4 September 2020
    • Villa Comunale Karol Wojtyla
  • Torna il teatro a Parcocittà: 8 spettacoli sostenuti dalla Fondazione Monti Uniti

    • Gratis
    • dal 17 July al 31 August 2020
    • Parcocittà
  • Il Carpino in Folk si farà: due serate piene di spettacoli in Piazza del Popolo

    • dal 8 al 9 August 2020
    • Centro
  • Torna il Rodi Summer Music: undici concerti e corsi di alto perfezionamento musicale sul Gargano

    • Gratis
    • dal 17 July al 6 September 2020
    • Chiesa di San Pietro
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FoggiaToday è in caricamento