Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO RAPINA | Colpo in farmacia, ad agire un ragazzo armato di coltello: incastrato e arrestato

Arrestato Antonio Specchio, incensurato del posto: è stato riconosciuto dai militari, dimostrando quanto la conoscenza del territorio da parte dei carabinieri sia determinante per giungere all'autore di un reato

 

I filmati delle telecamere per la videosorveglianza incastrano il rapinatore del colpo ai danni della farmacia 'Pelagio' di via Mestre, a Cerignola. Il giovane, Antonio Specchio, di 22 anni, del posto, è stato riconosciuto dai militari dimostrando quanto la conoscenza del territorio da parte dei carabinieri sia stata, ancora una volta, determinante per giungere all'arresto dell'autore di un reato.

Il fatto è successo lo scorso lunedì, quando intorno alle 20.30, il 22enne incensurato aveva fatto irruzione a volto scoperto e armato di un coltello con una lama da 30 centimetri nella farmacia “Pelagio”, portando via i circa 250 euro che era riuscito ad arraffare dalla cassa prima di fuggire, anche a seguito della reazione di un dipendente della stessa farmacia. I carabinieri della locale Aliquota Radiomobile del NORM, giunti sul posto negli attimi immediatamente successivi, hanno subito visionato le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza e, nel momento in cui l'autore della rapina è stato inquadrato, i due militari hanno subito associato a quel volto un nome, quello di Antonio Specchio. 

Tale immediata identificazione è stata possibile in quanto, solo qualche giorno addietro, gli stessi militari erano intervenuti presso il Pronto Soccorso dell'ospedale di Cerignola perché proprio lo Specchio era andato in escandescenze, creando non poco disordine tra le persone in attesa. Avuta dunque la certezza sull'identità dell’autore della rapina, i carabinieri hanno immediatamente avviato le ricerche, riuscendo a rintracciare lo stesso, verso le 23.15 circa, in via Borsellino, a bordo di un'auto con il padre ed un parente. Il ragazzo ha immediatamente ammesso le sue colpe, indicando anche i luoghi in cui aveva nascosto la refurtiva, che è stata recuperata e riconsegnata alla vittima, e gli indumenti che aveva indossato al momento della rapina, anche questi recuperati e sottoposti a sequestro. Terminate le formalità di rito, il giovane è stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento