Martedì, 16 Luglio 2024

A un passo dalla morte, viene salvata dai medici del Riuniti: "Loro mi hanno ridato la vita"

La storia di Lucia, arrivata in ospedale per un aneurisma e data per spacciata, ma i medici del Riuniti non si sono arresi e le hanno salvato letteralmente la vita

Lucia un giorno aveva un forte mal di testa. Pensò che un antidolorifico potesse sistemare tutto. Ma così non fu. All'improvviso qualcosa smise di funzionare, perse conoscenza e subito la corsa al pronto soccorso del Riuniti.

Dopo una tac le fu diagnosticato un aneurisma e le sue condizioni risultarono subito troppo precarie per poter sopravvivere. Così precarie che furono avvisati i familiari che non avrebbe superato la notte. Ma i medici non si diedero per vinti e tentarono l'operazione.

Come ci racconta Lucia, il dottor Walter Lauriola, tentò l'intervento tre volte, ma alle prime due qualcosa non lo convinse e l'operazione fu sospesa. Solo al terzo tentativo il medico fu un grado di procedere. E quell'intervento le salvó la vita. In coma da un mese, Lucia si risveglió senza aver riportato danni permanenti.

Vari furono i cambi di reparto per curare, gestire e monitorare lo stato di salute. Dopo circa 4 mesi, Lucia è ritornata a casa senza avere particolari deficit. E oggi il suo desiderio è ringraziare i medici e i loro relativi staff che le hanno ridato la vita.

La professoressa Gilda Cinnella del reparto di Rianimazione, il radiologo interventista professor Walter Lauriola, il professor Antonio Colamaria del reparto di Neurochirurgia e la dottoressa Amoruso per "avermi restituito la vita". 

Video popolari

FoggiaToday è in caricamento