Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Don Ciotti: "Lotta alla mafia vuol dire lavoro". Emiliano: "Abbiamo inventato il RED"

 

Si svolgerà a Foggia il 21 marzo e in contemporanea in migliaia di  luoghi in tutta Italia, Europa e America Latina,  la XXIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera, Avviso Pubblico e Regione Puglia, in collaborazione con la Rai - Responsabilità Sociale, con il supporto del Teatro Pubblico Pugliese e sotto l'Alto Patronato del Presidente de la Repubblica.

La Giornata della Memoria e dell’Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie, oggi riconosciuta per legge, e rinnova in nome di quelle vittime l'impegno nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione. “Terra, solchi di verità e giustizia” è il tema che accompagnerà il 21 marzo, durante il quale i familiari di vittime innocenti delle mafie saranno presenti a Foggia  e nei tanti luoghi dove si svolgerà la manifestazione.

Libera ha scelto di tornare in Puglia a Foggia – nel 2008 eravamo a Bari, nel 2000 a Casarano – per denunciare la potenza e la ferocia di una mafia emergente ma colpevolmente sottovalutata, responsabile in questi anni di tanti omicidi il più delle volte impuniti a carico anche di innocenti. Saremo a Foggia anche per incoraggiare una Puglia che resiste, fatta di gente perbene che nelle associazioni, nelle cooperative, nelle realtà laiche e religiose, o anche semplicemente assumendosi le proprie responsabilità di cittadino, s’impegna per il bene della sua terra e dell’intero Paese.

Come in altre occasioni Foggia sarà l’epicentro della Giornata, ma simultaneamente, in migliaia di  luoghi d’Italia,in Europa e America Latina verranno letti i nomi delle vittime, ascoltate le testimonianze dei famigliari, e approfonditi le questioni relative alle mafie e alla corruzione, nel segno di una memoria che non vuole essere celebrazione ma impegno per il cambiamento. Una lettura collettiva che unisce il paese perchè quelle persone non sono morte per una targa, una corona di fiori, un discorso celebrativo. Sono morte per la nostra libertà, per la nostra democrazia, ossia per ideali che abbiamo il compito di realizzare. Solo l’impegno personale e collettivo trasforma la memoria d’occasione, inamidata, in memoria condivisa e pubblica, in memoria viva. Sono tantissimi gli studenti che arriveranno a Foggia la mattina del 21 marzo: sono  più di 200 gli autobus prenotati mentre tanti altri arriveranno in treno grazie alla collaborazione di Trenitalia e Ferrovie del Gargano. La manifestazione prenderà il via mercoledì 21 marzo alle ore 9.00 da  Piazza Cesare Battisti,attraverserà le vie cittadine, per concludersi in Piazza Camillo Benso Conte di CavourDal palco saranno letti gli oltre 970 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore, hanno compiuto il loro dovere. Nel pomeriggio si svolgeranno in città seminari tematici.

Libera va a Foggia anche per essere al fianco di chi si oppone alle mafie quotidianamente in questa terra, come le cooperative sociali che gestiscono terreni confiscati alle mafie , le donne e gli uomini delle istituzioni che ce la mettono tutta, gli imprenditori che con coraggio denunciano le estorsioni, ma anche gruppi di volontari che provano a contrapporre alla gravità di quanto accade, delle progettualità che negli anni hanno prodotto faticosi cambiamenti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento