Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciro, il simbolo della città che reagisce. In sella a un trattore alla città: "Ognuno di noi dia il proprio contributo"

La cittadinanza ringrazia gli agricoltori scesi in strada con i trattori e le bandiere dell'Italia: "Vi siamo debitori"

 

È stato Ciro Caliendo a suonare la carica nella carovana dei trattori che lunedì sera hanno partecipato alla sanificazione delle strade di San Severo. È il simbolo della città che reagisce. Agricoltore, è il presidente della cooperativa dell'Antica Cantina Sociale, vittima di un sabotaggio nell'ottobre scorso, quando vennero sversati 25mila ettolitri di vino provocando un danno milionario.

La comunità, allora, ha mostrato solidarietà e vicinanza, e oggi Ciro Caliendo ricambia, insieme agli altri contadini che si prendono cura della terra. "Venti agricoltori come me hanno dato il proprio contributo per sanificare le strade di San Severo in maniera totalmente volontaria e gratuita - ha detto in sella al suo mezzo agricolo prima di accendere il motore - ognuno di noi deve continuare a dare il proprio contributo: dovete restare in casa. Mi raccomando, solo così ce la faremo tutti quanti. Siate fiduciosi, noi lo siamo". Sventola la bandiera dell'Italia.

CIA-Agricoltori Italiani ha offerto, in tutta Italia, il proprio supporto a Regioni e Comuni nelle operazioni di bonifica necessarie al contenimento del Coronavirus e partecipa alla grande maratona della solidarietà. Grata la cittadinanza: "Questa è la San Severo che ci piace". "San Severo mostra i muscoli della solidarietà", ha detto orgoglioso il sindaco di San Severo Francesco Miglio.

Poetica l'immagine consegnata dal consigliere comunale Michele de Lilla: "Un odore acre di cloro si diffonde nella città grazie a tanti agricoltori locali che come api operose sciamano per strade e piazze alla guida dei loro mezzi, avvezzi a ben altri usi in campagna. È significativo sul piano morale il gesto, prima ancora che materiale,e ci ammonisce sul valore della cooperazione sociale, mai bastevole e sempre irrinunciabile per tenere in vita una comunità. Sa di antico il fragore di ruote e trattori e nel mentre ci offre un orizzonte possibile su cui progettare un 'nuovo futuro'. Grazie, non scorderemo, nel silenzio che riscalderà la notte, che vi siamo debitori".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento