Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Dai tic al disagio sociale: alla scoperta della sindrome di Tourette

 

Un disturbo neurologico che crea non pochi problemi a chi ne è affetto; si ritiene che anche Mozart ne soffrisse.  E’ la sindrome di Tourette, che, per definizione, non identifica una specifica malattia o un preciso disturbo neurologico, ma piuttosto un quadro comportamentale che si manifesta attraverso  tic motori o fonatori.

Se ne è discusso all’Ordine dei Medici di Foggia, in un convegno, alla presenza di Ciro Mundi, primario del reparto di neurologia ospedaliera degli ospedali Riuniti di Foggia e di Mauro Porta, Direttore del Centro di Malattie Extrapiramidali e sindrome Tourette presso l'IRCCS, Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano.

“La sindrome di Tourette – spiega Riccardo Breusa, attuale presidente dell'A.I.S.T. che ha sede a Milano, ma opera dal 1990 su tutto il territorio nazionale – non è una patologia rara. Il problema principale è la non conoscenza non solo nel campo sanitario, con conseguenti gravi e dannosi ritardi nella diagnosi, ma anche nel campo scolastico, con tutti i disagi e le frustrazioni conseguenti, sia per il paziente che per la famiglia”.

Secondo alcune ricerche la sindrome interessa infatti circa l'1% della popolazione. Si tratta di una patologia che compare nell’infanzia e che si acutizza nell'adolescenza. Si manifesta con tic motori (ammiccamento degli occhi, movimenti del capo, degli arti) e sonori (brontolii, sospiri rumorosi, grida e colpi di tosse), che nella maggior parte dei casi tendono a ridursi verso i 25 anni.  Le cause non sono ancor del tutto chiare, si valutano anche le ipotesi genetiche e negli ultimi studi quelle neuroimmunologiche). Tanti sono i disturbi correlati alla sindrome come: adhd, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi del comportamento, ansia, depressione e disturbi dell'apprendimento.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento