Domenica, 21 Luglio 2024

Un caso di 'Febbre del Nilo' a Foggia. Lo Caputo: "Non c'è alcun pericolo"

Sta preoccupando la notizia dell'uomo colpito dal virus 'West Nile', ricoverato nel reparto di malattie infettive del Policlinico Riuniti di Foggia. Ma il professor Lo Caputo rassicura

Nelle ultime ore ha suscitato preoccupazione il caso del paziente 42enne originario di Stornarella colpito dal virus della 'Febbre del Nilo'. Dopo l'emergenza Covid la paura dei virus resta alta.

"Il 'West Nile' - spiega il professor Sergio Lo Caputo del reparto Malattie Infettive del Policlino Riuniti di Foggia - è un virus trasportato principalmente dalle zanzare, che colpisce in particolar modo uccelli e cavalli. Non è trasmissibile, come lo è il Covid, tra esseri umani".

Il 42enne al quale è stato riscontrato il West Nile non è uscito dal suo paese in provincia di Foggia nell'ultimo periodo, quindi l'infezione si è verificata in Capitanata. Nell'80% dei casi il virus è asintomatico, ma resta comunque poco pericoloso, tranne nei casi relativi a persone immunodepressi, anziani o bambini nei quali potrebbe provocare enecefaliti potenzialmente letali. 

Video popolari

FoggiaToday è in caricamento