"Siete senza cuore". Ambulanti protestano davanti al cimitero di Foggia: "Non ce la facciamo più, riaprite i mercati"

Ambulanti della provincia di Foggia hanno protestato davanti al cimitero di Foggia. Alle 11 hanno consegnato un documento con una serie di proposte per la riapertura dei mercati al prefetto di Foggia

Questa mattina anche gli ambulanti foggiani si sono uniti alla protesta dei colleghi pugliesi, manifestando contro le misure restrittive imposte dal Governo e in alcuni casi dalle istituzioni locali. 

Nel mirino dei commercianti i sindaci di alcuni comuni del Gargano: "E' terribile, sono senza cuore" tuona un ambulante alle telecamere di Foggiatoday.

La protesta dei furgoni è scattata davanti al cimitero di Foggia. "Perché noi che lavoraiamo all'aperto dobbiamo star chiusi e chi lavora al chiuso invece è aperto?". Questa la domanda ricorrente, alla quale i manifestanti non riescono a darsi una risposta, che invece gradirebbero ricevere dal Governo e dai comuni. "Perchè dobbiamo pagare noi? Il covid non lo diffondiamo noi, perchè non dobbiamo lavorare?"

Tanti gli slogan della giornata: "Adesso basta", "Rispetto per gli ambulanti", "Vogliamo lavorare", "No al razzismo commerciale", "Non ce la facciamo più", "Siamo allo stremo delle forze", "Riaprite i mercati e le fiere".

Alle 11 i commercianti hanno consegnato al Prefetto di Foggia un documento con delle proposte in vista della riapertura di fiere e mercati. 

Si parla di

Video popolari

"Siete senza cuore". Ambulanti protestano davanti al cimitero di Foggia: "Non ce la facciamo più, riaprite i mercati"

FoggiaToday è in caricamento