Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Urge trasfusione ma non c'è sangue, carabinieri si precipitano con le sacche in una rssa e salvano anziana: il video

Le immagini video dell'arrivo dei carabinieri con le sacche di sangue e l'applauso per ringraziarli dell'operazione lampo da parte degli operatori sanitari della rssa 'Santa Maria Stella' di Panni. Il commento del sindaco Pasquale Ciruolo

 

Il 9 aprile scorso i carabinieri della stazione locale di panni - il maresciallo ordinario Francesco Lobrace e l'appuntato scelto Marcello Savelli - durante un servizio di presidio e controllo del territorio in attuazione delle disposizioni atte a prevenire e contenere il contagio da Covid-19, venivano contattati dal personale della struttura per anziani Rssa 'Santa Maria Stella' di Panni, "fiore all’occhiello di questa comunità" sottolinea il sindaco del comune dei Monti Dauni, per affrontare e gestire una situazione di emergenza all’interno della struttura, viste le gravi condizioni di un’anziana degente.

"La degente - spiega il primo cittadino - in carenza ematica, necessitava di urgente trasfusione di sangue viste le sue condizioni già precarie, operazione da potersi svolgere in tutta sicurezza presso l’ospedaletto di comunità presente all’interno della struttura".

"Tuttavia - aggiunge il sindaco Ciruolo - nonostante l’idoneità della struttura a poter eseguire tali operazioni, vista la piena emergenza sanitaria in atto, non vi era la pronta reperibilità di personale in grado di poter operare il trasporto delle sacche di sangue, in modo celere, ed optare per il ricovero ospedaliero dell'anziana donna presso l’ospedale di Foggia, oltre che rischioso dal punto di vista temporale, avrebbe inutilmente esposto la degente a contatti ipotetici con casi di positività che, successivamente, come ben noto, avrebbero potuto creare non pochi problemi per l’insorgere di un potenziale focolaio all’interno della Rssa".

I militari, in un brevissimo lasso di tempo, sono riusciti ad acquisire i campioni di sangue presso il centro trasfusionale e successivamente a recarsi presso la residenza per anziani con il materiale ematico. Consegnato al personale infermieristico, ha permesso di salvare la vita all'ospite della struttura. "In un momento di forte sensibilità al valore della vita umana, l’arma dei carabinieri ha dato prova – insieme al personale tutto della Rssa - di non lasciare indietro nessuno, prestando soccorso e sostegno ove richiesto"

E ancora, aggiunge il sindaco di Panni, "i carabinieri intervenuti hanno portato a compimento un’operazione encomiabile, accolta con grande apprezzamento anche dal personale di 'Santa Maria Stella' che come si evince da un filmato hanno tributato un applauso in segno di gratitudine verso l'operato dei militari".

Pasquale Ciruolo conclude:  "In qualità di primo cittadino ho raccolto personalmente gli attestati di riconoscimento provenienti dalla comunità, sia nei confronti della Benemerita che nei confronti del personale della struttura ed è per questo che, nelle mie funzioni e qualità, non posso non portare a nome di tutta la comunità pannese un attestato di stima e gratitudine all’arma dei carabinieri ed al personale della struttura Rssa  Santa Maria Stella, impegnato senza sosta nella dura lotta contro questo mostro silenzioso".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento