Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video | Il Comune manda via i cani, i volontari insorgono: "Ci opporremo alla deportazione"

Dal canile di Foggia i cani dovranno andar via: Il 31 dicembre prossimo scade l’affidamento giudiziario all’associazione a ‘Largo Raggio’. Dal giorno successivo, di animali a quattro zampe, nella struttura sottoposta a sequestro penale preventivo il 25 marzo 2016, non vi dovrà esser più traccia.

Ed è così che il Comune di Foggia, nell’ambito della lotta al randagismo ha inteso acquisire una manifestazione di interesse da parte di proprietari di canili finalizzato alla individuazione di una  struttura, regolarmente autorizzata, che sia idonea all’espletamento del servizio che prevede il trasporto, ricovero, cura ed alimentazione di circa 300 cani presenti nel canile municipale di Foggia (pare siano 350 in realtà). 140mila euro la cifra messa a disposizione. C’è un avviso pubblico con scadenza il 13 novembre, ma sembrerebbe che sia stata già avviata una trattativa con una struttura di Vieste. Canile che però potrebbe accogliere soltanto poco più della metà degli animali, circa duecento.

Ma i restanti 150 dove finirebbero? Al netto di ogni forma di contrasto al randagismo e delle soluzioni che in tal senso verranno prese da qui in avanti, i nuovi arrivati dove verrebbero collocati? E quelli comunali in affidamento ad altre associazioni di volontariato della città che fine faranno? Questi ed altri i dubbi espressi questa mattina presso la commissione socio-culturale presieduta da Antonio Vigiano, da Terry Marangelli dei Volontari Protezione Animali Foggia, dai rappresentanti dell’associazione ‘A Largo Raggio’ e da Annarita Melfitani, presidente dell’associazione ‘Guerrieri Con la Coda’. All’incontro, durato due ore e a tratti infuocato, hanno partecipato anche alcuni consiglieri comunali, l’assessore Erminia Roberto e il dirigente Ruffo.

C’è molta preoccupazione anche per le conseguenze che il trasferimento in un posto diverso potrebbe arrecare agli animali, alcuni dei quali molto anziani e abituati ormai al clima del capoluogo dauno. Il punto però è un altro: dal giorno del sequestro del canile comunale ad oggi, venti mesi, cos’è stato fatto per affrontare il problema randagismo e per scongiurare quella che Melfitani definisce una “deportazione” , per la quale - fanno sapere i volontari – non mancheranno manifestazioni di protesta.

Video popolari

Video | Il Comune manda via i cani, i volontari insorgono: "Ci opporremo alla deportazione"

FoggiaToday è in caricamento