La speranza, poi le lacrime. Iemmello illude, Eusepi manda il Pisa in B

Finisce 1-1 allo Zaccheria. Iemmello la sblocca solo allo scadere su rigore. Eusepi all'ultimo secondo spegne le speranze dei rossoneri. Gara nervosa, con i due tecnici espulsi e gara sospesa a metà ripresa per invasione di campo

Le lacrime di Pietro Iemmello (R. D'Agostino)

Nessun festeggiamento, nessuna gloria, nessun ritorno nella serie cadetta, nessuna serie B. Il Foggia inciampa ancora una volta nei playoff, perdendo la quarta finale dopo quelle con il Paternò nel 2002, Avellino nel 2007 e Matera nel 2013. Che fosse serie C1 o C2 o D, la storia racconta dell’idiosincrasia cronica del Foggia per gli spareggi promozione. Festeggia il Pisa di Gattuso, in un pomeriggio folle, iniziato e conclusosi in un clima di festa, con lo spiacevole intermezzo dell’invasione di campo. Festa anche alla fine, perché lo Zaccheria, pur bagnato da lacrime di delusione ha avuto ancora la forza di incitare a fine gara i suoi beniamini, ringraziandoli per aver dato tutto, anche se non è bastato. Bisognerà riprovarci l’anno prossimo, magari mantenendo il gruppo di quest’anno, magari provando ad allontanare i corteggiatori da mister De Zerbi magari cercando di conquistare la B dalla porta principale.

PRIMO TEMPO – Lo Zaccheria si supera, per numero di spettatori, potenza dei cori; e poi c’è la coreografia della Sud che scimmiotta quella esibita dai pisani all’Arena Garibaldi. Il tragitto della nave nerazzurra che viene bruscamente interrotto, infrangendosi sui satanelli. Spettacolo puro, e anche i pisani si fanno sentire. Ma se sugli spalti il confronto è impari, il campo dice tutt’altro. De Zerbi parte con un 4-2-3-1 che vuole sorprendere la truppa di Gattuso, e forse allargare il raggio d’azione di Sarno, impiegato in appoggio a Iemmello. Purtroppo però i risultati non arrivano, perché la marcatura di Di Tacchio finisce per azzerare spazi di manovra. Per affrancarsi dalla soffocante pressione del mediano nerazzurro, il napoletano è costretto a cercare spazi sulla destra, lì dove già imperversano Chiricò e Angelo. E poi centralmente Agnelli e Vacca vanno in affanno quando la squadra perde palla, spesso visto che il fraseggio finisce per impallarsi negli ultimi venti metri. La fase difensiva di Gattuso con il suo 4-5-1 funziona e bene. Le prime migliorie De Zerbi le scopre quando ritorna al tradizionale e più consono, per gli uomini in campo, 4-3-3. Lì si costruiscono le due occasioni più nitide, entrambe capitate sui piedi di Iemmello. Sulla prima – volee su pennellata di Vacca – Bindi risponde d’istinto, sulla seconda è fondamentale la pressione dei due centrali, che gli impediscono di correggere in rete il cross teso di Chiricò.

SECONDO TEMPO – Nessuna novità. Il tema tattico resta invariato. Sul palo di Vacca si infrangono forse le ultime speranze dei rossoneri. Perché i minuti passano, i pisani – come è prevedibile – accentuano le gravità dei contrasti. Quel che accade per quasi un quarto d’ora, a partire dal 20’, preferiremmo non raccontarlo. Il nervosismo fa le sue prede, e i primi a cadere nella trappola sono De Zerbi e Gattuso, quest’ultimo anche colpito da una bottiglietta. L’invasione di auna decina di ultrà della Sud sono la ciliegina sulla torta. Gara sospesa per circa tredici minuti. Al rientro in campo la partita sembra quasi trascinarsi verso un insipido pareggio. A riaccendere il match è Floriano, subentrato a Chiricò, che si procura un rigore, trasformato da Iemmello. Lo Zaccheria si lancia in un ultimo slancio di passione per incitare i suoi giocatori. Il forcing porta solo angoli e un contropiede per il Pisa, che Eusepi traduce in gol. Il resto è scritto nelle lacrime di Iemmello, Coletti, Micale, Di Chiara, di tutta la squadra. Ancora una volta i playoff sono fatali per il Foggia. L’astinenza da serie B è destinata a proseguire.

MISTER DE ZERBI: "RESTO SOLO SE..."

VIDEO | PIETRE CONTRO I TIFOSI OSPITI

ASSALTATO PULLMAN DEI TIFOSI DEL PISA

LA NORD ALLA SQUADRA: "GRAZIE LO STESSO!"

LA SUD E' DA BRIVIDI: "INNAMORATO SEMPRE DI PIU'..."

FOGGIA (4-3-3) 12 Micale; 2 Angelo, 21 Coletti, 26 De Giosa (14’st 11 Sainz Maza), 17 Di Chiara; 4 Agnelli, 5 Vacca, 20 Riverola (28’st 7 Gerbo); 10 Sarno, 9 Iemmello, 16 Chiricò (37’st 23 Floriano). A disposizione: 22 De Gennaro, 3 Agostinone, 8 Quinto, 13 Arcidiacono, 18 Lodesani, 19 Lauriola, 24 Viola, 25 Lanzetta, 27 Sansone. All. De Zerbi

PISA (4-3-3) 1 Bindi; 15 Golubovic, 13 Crescenzi, 4 Lisuzzo, 2 Avogadri; 14 Verna, 6 Di Tacchio, 21 Tabanelli; 10 Varela (25’st 20 Peralta), 9 Çani (17’st 23 Eusepi), 16 Mannini. A disposizione: 12 Giacobbe, 3 Fautario, 7 Provenzano, 8 Ricci, 11 Montella, 17 Makris, 18 Forgacs, 19 Rozzio, 22 Sanseverino, 24 Brunelli.

Arbitro: Piccinini di Forlì

Marcatori: 44’st rig. Iemmello (F), 50’st Eusepi (P)

Ammoniti: Vacca (F), Di Chiara (F), Coletti (F), Verna (P), Agnelli (F)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Belle parole leccese doc..da vero sportivo...bello parlare e criticare dopo aver visto solo i play off..di questi venti mila solo sette o otto erano veri tifosi pronti a sostenere la squadra a settembre..I ragazzi hanno dato l anima per portarci fin là. .spero solo che il mister rimanga con noi e che la società investa innestando 2/3 elementi esperti ...di categoria...sapendo già che vuoi Iemmello sta già a Crotone. ..è stata l ennesima delusione ma dobbiamo rialzarci è programmare. ..è noi tifosi veri dobbiamo essere sempre lì ..nonostante tutto. ..ancora e sempre FORZA FOGGIA

  • Avatar anonimo di StatusQuo
    StatusQuo

    Ki avut avut avut....ki a dat a dat a dat....

  • Diversamente da quanti di voi vedevano la gara già persa in partenza, pensavo che ce l'avreste fatta, almeno un due a zero era nelle vostre possibilità. Noi leccesi abbiamo tifato per voi e perchè meritavate più del Pisa la serie B ma, principalmente per non avervi di fronte nel prossimo anno. Bravi tutti dai giocatori a quei tifosi che, nonostante l'esito della partita hanno applaudito e ringraziato tutta la squadra. Tra i "cattivi" oltre a quei pseudo!"tifosi" che per la seconda volta hanno cercato di infangare una lunga tradizione calcistica, anche il portiere che con le sue uscite estemporanee ha compromesso diverse partite.

  • Penso che andare in b avrebbe significato un miglioramento anche economico per la nostra città. Nei primi anni novanta col foggia in serie a la città era piena di vita. La lira girava. Era una città vivibile soto tutti i punti di vista. La promozione avrebbe significato anche questo per noi....

    • Risposta del cazxo nella %censored%a stai e nella %censored%a saresti rimasto con un sindaco del genere. ...

      • Non era una risposta ma un mio pensiero. E soprattutto se ritieni di stare nella %censored%a fai qualcosa per migliorare questa città. Nn lamentarti del sindaco o di chicchessia. Datti da fare. Io lo faccio. Nn ti dico ovviamente in quale campo... Ma ti assicuro che nel mio lavoro tento di migliorare sta città'.... Vabbe comunque sono discorsi da nn fare in questa community.

    • Ma non dire kazzate....che girava ? le bandierine...e cosa c'era di vivibile? gli imperatori Romani tenevano buono il popolino con "panem et circenses" ....soli che da noi il "panem" manca. E poi, se rimaniamo in serie C la colpa non e' certo dei Pisani

      • E ti assicuro che era un'altra città. Sotto molti punti di vista. Fatto sta che coincideva col fg in serie A. E comunque è una mia riflessione. Nn mi sembra il caso di introdurre la tua risposta con "nn dire kazzate". Se nn sei d'accordo dillo ma senza ricorrere a termini "oxfordiani". Grazue

      • Caro Pietro io ho avuto la fortuna di vivere foggia degli inixi anni 90. E

  • Adesso, con umiltà, dobbiamo tornare ai "veri " problemi della nostra città.....La delusione e' tanta.....ma quei politici in tribuna, pronti a raccogliere le ricadute di immagine della promozione in "B" , erano e sono speculatori. Certamente speravano che la promozione avrebbe fatto passare in secondo piano i tanti e gravi problemi della nostra città....torniamo con i piedi per terra

  • Era una gara persa in partenza: grande delusione, ma la partita di andata e' stata sbagliata del tutto; e quel portiere che va nel panico di fronte agli avversari; sul 2 a 2 ci dovevamo chiudere in difesa.

    • Mister Pietro la colpa è dei tirapiedi come te

      • Se ti può consolare da pure la colpa alla sfortuna....certo la colpa non e' dei Pisani, o degli arbitri, o del governo "ladro", o dei baresi che si pigliano tutto, o di tutto il mondo che ce l'ha con noi "poveri foggiani"......

  • Gara persa forse in quel di Pisa x le 4 sberle.... fermando il risultato sul 3-2 era tutta un'altra storia a FOGGIA...... un altro anno e cin questo son 19.....

  • Domani a bordo piscina fumate stu sigaru lurdu

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Dobbiamo abbracciare emotivamente questi ragazzi! Ce l'hanno messa tutta ma non ci hanno deluso, anzi! Le loro lacrime ci hanno ripagati ampiamente, come mi sono espresso su Twitter appena terminato l'incontro! Anche se non abbiamo vinto e raggiunto la promozione in B, abbiamo apprezzato l'impegno dei ragazzi rossoneri e non solo i 17000 spettatori presenti allo stadio ma tutta Foggia calcistica ha applaudito il tentativo di questi ragazzi per la promozione in B! Grazie, quindi ed arrivederci al prossimo anno! L'avrebbero potuto regalarci prima questo sogno, se una serie di... sfortunate partite non c'è l'avessero negato! Pazienza e... Grazie lo stesso! Ciao, vi abbracciamo lo stesso: siamo sicuri che ci farete sognare l'anno prossimo!!!

  • Domani meritate vacanze brindisino

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenza di genere, la legge da sola non basta. Bruzzone: “Serve un cambiamento culturale”

  • Cronaca

    Impianto di rifiuti a Monteleone di Puglia, è bagarre. Una delibera smentirebbe il sindaco: "Ecco la transazione"

  • Cronaca

    Perquisizioni a tappeto dei carabinieri, 31enne finisce in manette: aveva violato la sorveglianza speciale

  • Cronaca

    Furto a Torremaggiore di mezzi per la raccolta rifiuti: tre "scarrabili" recuperati vicino all'interporto di Cerignola

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Cerignola, identificate le giovani vittime: hanno 16 e 18 anni

  • Giovanissimi morti nell'incidente di via dei Mandorli: ai domiciliari 22enne, risponderà di omicidio stradale

  • Terribile incidente stradale, a Cerignola: scontro in via dei Mandorli, due le vittime

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Giovanissime vite spezzate, lutto cittadino a Cerignola: "Colpita duramente la comunità"

  • Oggi l'ultimo saluto ad Agostino e Aurora. L'avv. Assumma: "Il conducente rischia fino a 18 anni"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento