Cerignola fuori dalla Serie C, ma Grieco non ci sta e annuncia ricorso al Coni

Per il presidente Grieco "la decisione odierna penalizza oltremodo la società, annullando il verdetto del campo (vittoria playoff) e la conseguente graduatoria ripescaggi e infrangendo i sogni di un'intera città"

Nicola Grieco

L'Audace Cerignola non ci sta. Con una nota apparsa poco fa su Facebook, il presidente della compagine ofantina Nicola Grieco non nasconde l'amarezza per la decisione del consiglio federale della Figc di bocciare la richiesta di ripescaggio e annuncia il ricorso. 

"La S.S. Audace Cerignola S.r.l. esprime il proprio rammarico per quanto deciso dal Consiglio Federale della F.I.G.C. in merito alla domanda di ripescaggio presentata dal club per la partecipazione al campionato di Lega Pro 2019/2020.

Da parte nostra vi è stato il massimo impegno affinché si potesse conseguire l'obiettivo, sul campo e fuori dal campo. Terminati i play-off e stilata dagli organi competenti la graduatoria che ci vedeva in prima posizione (considerata la mancata domanda del Matelica) ci siamo subito prodigati al fine di assicurare le importanti garanzie economiche previste. Richieste soddisfatte e domanda presentata (unitamente alla documentazione prevista dal relativo comunicato ufficiale) nei tempi prefissati e con, addirittura, un giorno d'anticipo.

La decisione odierna penalizza oltremodo la nostra società, annullando il verdetto del campo (vittoria play-off) e la conseguente graduatoria ripescaggi, ed infrangendo i sogni di un'intera città che mai ha assaporato la nuova Serie C, il calcio professionistico!

L'Audace Cerignola non conclude qui il suo percorso ed annuncia, al fine di far valere le proprie istanze, ricorso alla sezione speciale del Collegio di Garanzia del CONI sulle controversie in tema di ammissione ed esclusione dalle competizioni professionistiche, così come previsto dalle normative vigenti. Da sempre siamo impegnati nella realizzazione di un progetto serio, sano, pulito, ambizioso e vogliamo continuare a farlo, con i nostri tifosi, la nostra gente, chi ci testimonia affetto da tutto il mondo, più forti di prima, confidando che la decisione possa essere sovvertita.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento