Dopo tre anni il Prefetto Tirone saluta Foggia, "comunità che merita un impegno eccezionale"

In attesa del cambio al vertice (si attende il nuovo prefetto, Massimo Mariani), Tirone percorre gli ultimi 36 mesi, particolarmente ricchi "sotto il profilo professionale, umano e della conoscenza"

Maria Tirone

A distanza di quasi tre anni dall’assunzione dell’incarico di Prefetto di Foggia, si chiude l'esperienza nella provincia dauna per Maria Tirone, pronta a ricoprire il medesimo incarico ad Avellino. In attesa del cambio al vertice del Palazzo del Governo foggiano - si attende il prefetto fresco di nomina, Massimo Mariani, già viceprefetto di Cosenza - Tirone percorre questi 36 mesi, che definisce particolarmente ricchi, "sotto il profilo professionale, umano e della conoscenza", che le ha dato "il privilegio di accostarmi a una comunità ricca di tradizioni storiche e culturali, ma anche attraversata da situazioni estese di disagio sociale ed economico, e deprivata delle sue cospicue potenzialità di sviluppo e di promozione sociale dalla presenza radicata di una criminalità organizzata e comune, pervasiva e pericolosa".

Maria Tirone, per Foggia "un impegno eccezionale"

"Una comunità che merita un impegno eccezionale e convinto da parte di tutti e, in primis, degli attori istituzionali, volto a restituire integrità morale e perequazione economica al tessuto sociale, su cui costruire un nuovo e diverso futuro. Fin dall'insediamento, sono stata consapevole del difficile impegno che ero chiamata ad assolvere in un contesto estremamente variegato, di cui ho potuto cogliere la straordinaria complessità. Ma il cammino di questi anni in terra di Capitanata, certamente connotato da tanti momenti problematici e da vere emergenze, si è dispiegato attraverso una virtuosa e leale collaborazione con soggetti pubblici e privati che qui operano".

Una strenua lotta alla criminalità organizzata

"Ai vertici dell’Autorità Giudiziaria, inquirente e giudicante e ai Magistrati, chiamati ad operare in un contesto così arduo e complesso, profondendo, con sacrifìcio personale, un impegno diuturno, esprimo la più profonda ammirazione per gli eccellenti risultati conseguiti nella repressione di ogni forma di criminalità e per la costante cooperazione che ha consentito, nel rispetto delle reciproche attribuzioni, di assumere iniziative importanti per la promozione della sicurezza di questa comunità. Con la stessa grata intensità ringrazio i vertici delle Forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, degli altri Corpi militari chiamati nel Comitato provinciale per l ’ordine e la sicurezza pubblica, con i quali sono state condivise, in piena sintonia, le strategie di prevenzione e di contrasto della criminalità, a presidio delle Istituzioni, della sicurezza, della libertà e della dignità dei cittadini. Il lavoro costante e il sacrifìcio incessante hanno consentito un elevato livello di contrasto al crimine organizzato e diffuso; allo stesso tempo, l’accorta azione di prevenzione ha impedito che fenomeni degenerativi minassero la coesione sociale".

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento