Rischiano lo sfratto 42 famiglie di via Salice Nuovo 90

Il Comune non paga l'affitto da due anni e il 23 febbraio i residenti dovranno sgomberare gli appartamenti

Alloggi, case popolari, housing sociale, occupazioni, senzatetto e sfratti. Sono solo alcuni temi e terminologie che rientrano in quel filone meglio noto come “emergenza abitativa”. Un fenomeno tuttora irrisolto e che sembra aprire una nuova crisi. Una ferita che l’attuale amministrazione comunale finora è riuscita soltanto ad attutire.

Dopo l'occupazione delle case della Legge Gozzini di via Alpi, ora la paura di restare senza casa riguarda anche 42 famiglie di via Salice Nuovo 90. Il 23 febbraio dovrebbero sgomberare.

I FATTI - Dal 2004 al 2008 il Comune di Foggia ha corrisposto al proprietario delle case popolari di via Salice Nuovo 90 l’ammontare dell’affitto di 42 appartamenti. Il pagamento non avviene da più di due anni, ragion per cui il 14 gennaio gli abitanti si sono visti recapitare un’ordinanza di sfratto esecutivo per morosità; il 19 dello stesso mese la visita dell’ufficiale giudiziario.

La vicenda assume altri toni se si pensa alle condizioni in cui oltretutto sono costretti a vivere i componenti dei quarantadue nuclei familiari. Dal 2009 ci sono problemi con la fogna e per un periodo di tempo non c’è stata acqua e corrente elettrica. Abitano in appartamenti di 50/80 metri quadrati aggrediti dalla muffa, dall’umidità, dalla condensa e dai liquami delle fogne. I segni del degrado sulle pareti e sui pavimenti rendono bene l’idea di come sia difficile vivere in queste condizioni. E il 23 febbraio al danno potrebbe aggiungersi anche la beffa.

Da un paio di settimane circa cento persone tra adulti, giovani e bambini vivono costantemente sotto la "minaccia" indiretta del proprietario, al quale il Comune, stando ai calcoli, deve oltre 400mila euro per gli affitti del biennio 2008/2010. I residenti non erano a conoscenza di questa insolvenza e i primi dubbi sono sorti nel 2009 quando sono cominciati i problemi con la fogna. A dicembre 2010 la cruda verità. Da allora per le 42 famiglie è cominciato un vero calvario.

Alle famiglie sono giunte anche le raccomandazioni di Gianni Mongelli. Il sindaco assicura che il problema sarà presto risolto.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento