Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sunday Morning

Opinioni

Sunday Morning

A cura di Michele Fiscarelli

Fitto, Berlusconi e il patto della concordia

Dal blog Sunday Morning di Michele Fiscarelli

"Raffaele Fitto, candidato alla presidenza della Regione". Sembra un paradosso, ma l'ipotesi che l'ex governatore della Puglia guidi la coalizione di centrodestra in vece di Francesco Schittulli è alquanto verosimile. Quella dell'oncologo è sempre stata percepita da Forza Italia come una candidatura di ripiego, da spendere qualora il rapporto tra l’ex Cavaliere e il plenipotenziario di Maglie si fosse incrinato. L'appeal mediatico di Schittulli è travolgente quanto quello del dottor Natale, candidato sindaco di Foggia alle amministrative del 2004. La discesa in campo di Fitto riaprirebbe invece la partita, costringendo Emiliano a vender cara la pelle onde evitare che la pregustata vittoria assuma l’acre sapore della sconfitta.

Se è vero com’è vero che Fitto sarebbe l’unico fuoriclasse in grado di catapultare il Centrodestra fuori dalle secche in cui è precipitato, fare i conti senza l’oste potrebbe indurre in errore. Se il professore non ritirasse la candidatura, si paventerebbe il rischio di una catastrofe: due candidati presidente di centrodestra assegnerebbero all’avversario la vittoria a tavolino. In alternativa, lo scontro si consumerebbe in casa. Considerato che per il commissario regionale Vitali le candidature nella lista di Forza Italia saranno subordinate al parere suo e alla ratifica del presidente Berlusconi, sarebbe ingenuo non immaginare che Fitto confezioni quantomeno una lista sua e che i due vadano alla conta, dimentichi dell’obiettivo primario: vincere le elezioni. Intanto, con le Regionali alle porte, la soap continua. Alla prossima puntata!

Social network: about.me/michelefiscarelli

Si parla di

Fitto, Berlusconi e il patto della concordia

FoggiaToday è in caricamento