Casa&Soldi

Casa&Soldi

Da balcone a veranda: senza licenza di costruzione si rischia l’arresto

Dal blog del ragioniere foggiano Luca Zichella

Ti affacci al balcone e scopri che, quello dei tuoi vicini, è stato trasformati in una comoda veranda. Ti piacerebbe fare lo stesso? Bada alle condizioni: si rischia addirittura l'arresto se manca l'apposita concessione edilizia.

Sul un piano tecnico-giuridico è possibile qualificare la veranda come un nuovo locale autonomamente utilizzabile che difetta normalmente del carattere di precarietà, trattandosi di opera destinata non a sopperire ad esigenze temporanee con la successiva rimozione, ma a durare nel tempo, ampliando così il godimento dell'immobile (Corte di Cassazione, sent. n. 24086 del 13 giugno 2008).

La realizzazione di una veranda quindi determina l’aumento della superficie utile di un appartamento e la modifica della sagoma dell’edificio. Ne consegue che il suddetto intervento richieda il previo rilascio della concessione di costruzione (Cons. Stato, sez. V, 8 aprile 1999, n. 394; Cons. Stato, 22 luglio 1992, n. 675). Si riporta di seguito un caso concreto relativo alle costruzioni abusive di verande avvenuto in Puglia.

Il caso.  Il proprietario di una unità immobiliare veniva citato in giudizio innanzi al Tribunale di Brindisi in quanto, da un sopralluogo effettuato dalla Polizia Municipale, si rilevava che all'interno di appartamento in condominio erano stati eseguiti i seguenti lavori abusivi: chiusura di un balcone prospiciente il vano cucina, mediante istallazione di vetrate per una superficie utile di circa 4,40 mq (m 1,80x2,45). I lavori inoltre erano stati eseguiti senza nessun permesso di costruire.

La sentenza. Dato che con la costruzione della veranda è stato posto in essere un aumento della volumetria abitativa ed assicurato nuovo spazio al corpo immobiliare preesistente, vi è una concreta responsabilità dell’imputato, per aver realizzato un nuovo vano senza aver richiesto i titoli abilitativi necessari per la realizzazione di tale costruzione. Per tali motivi viene irrogata, ai sensi degli artt. 533 e 535 del c.p.p., la pena di mesi 6 di arresto ed euro 20.000,00 di ammenda, oltre al pagamento delle spese processuali in favore dello Stato.

Fonte: Condominioweb

Rag. Luca Zichella 
Via Francesco Marinaccio, 12 
71122 Foggia 
Telefono/Fax: 0881.614050 
Mobile +39 338 527 6533 
E-mail info@lucazichella.it 
Web www.lucazichella.it 
Facebook Studio Rag.Luca Zichella

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Casa&Soldi

"Amministratore di condominio professionista iscritto dal 1995 all'associazione A.N.A.I.P di cui sono referente per Foggia e BAT. Abilitato anche alla professione di Consulente del Lavoro, mi occupo di tutto ciò che riguarda il settore immobiliare.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento